Svolta a Torino – Il nuovo Procuratore Capo è donna – Anna Maria Loreto si è insediata oggi

Per la prima volta una donna assume la guida della Procura torinese. Ecco chi è e quali sono stati i suoi più importanti successi lavorativi1 min


2.8k shares

Anna Maria Loreto fra baci abbracci e commozione si è ufficialmente insediata questa mattina a capo della Procura di Torino, 66 anni e di origini romane, Anna Maria Loreto è  in magistratura da  ben trentanni.

La carriera di Anna Maria Loreto

Anna Maria Loreto arriva a Torino  nel 1981, quando il  Procuratore capo è Bruno Caccia, il magistrato che due anni dopo morirà in un agguato, della ‘ndrangheta piemontese. Una carriera, la sua, svolta interamente a Torino, dove dal 1983 al 2009 è stata sostituto procuratore e dal 2009 al 2017 procuratore aggiunto. Di carattere molto riservato é la prima donna ad assumere la guida della Procura torinese, ma era già stata la prima donna ad aver guidato la Direzione Distrettuale Antimafia a Torino.

Le inchieste

Si è  sempre occupata di violenza contro le donne, bambini e anziani.
Con il suo pool ha svelato la tratta, l’immigrazione clandestina e lo sfruttamento della prostituzione nell’ambito della mafia nigeriana,
ha condotto l’operazione Alto Piemonte riguardante gli intrecci tra la ‘ndrangheta e gli ultras della Juventus, anche sotto il suo coordinamento si è svolta l’operazione Barbarossa relativa alle cosche dell’astigiano,
sempre in ambito di ‘ndrangheta calabrese, ha svolto le indagini che hanno permesso all’arresto in Brasile del superlatitante Nicola Assisi.

Anna Maria Loreto nuovo procuratore Capo a Torino. Servizio di Retesette

I commenti di personaggi di spicco della magistratura e della politica

E’ definita da Pier Camillo Davigo come un Magistrato di straordinaria competenza in materia antimafia e Chiara Appendino concorda dicendo anche che Il nostro territorio avrà bisogno di tutta la sua esperienza e competenza. Di Matteo aggiunge che “la nomina di un magistrato che si è occupato per più di 12 anni di indagini e processi di criminalità organizzata è molto importante perché rappresenta una vera e propria memoria storica dei fenomeni mafiosi sul territorio di Torino che ormai da anni rientra nel progetto di espansione di Cosa Nostra e della ‘ndrangheta”.

Non possiamo che augurarle di continuare così!

Ti è piaciuto questo articolo? Non è stato scritto dalla redazione ma da un membro della community di Torino Fan. Iscriviti anche tu, inserisci post e condividi le tue idee o esperienze con gli altri torinesi: riceverai un Buono Amazon da 25 euro

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

2.8k shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed