Seguici su

Storie

Per superare i momenti difficili serve anche una “pandemia di felicità'”

La Pandemia della Felicità perché il buonumore e il conforto per gli altri è contagioso. Il concorso

Pubblicato

il

La Pandemia della Felicità a Torino

Torino – Al posto della 7^ Maratonina della Felicità, che si sarebbe dovuta svolgere domenica 1° novembre e che è stata rimandata al 2021, c’è stata una simpatica “gara” che ha coinvolto appassionati della camminata e della corsa e non solo.

La Pandemia della Felicità

E’ stata chiamata: “Pandemia della Felicità” e ha preso il via lo scorso fine settimana. A fronte di un periodo difficilissimo per tutti, c’è chi   ha voluto inviare un sorriso, un messaggio di speranza e allegria, perché, senza ignorare ciò che sta accadendo, anche il buonumore è contagioso ed è fondamentale per superare anche le prove più dure.

Il concorso

Con questo spirito, alle tre persone che hanno inviato le foto ritenute più simpatiche verrà omaggiata l’iscrizione alla 7^ Maratonina della  Felicità, evento ispirato alla guida al buon senso scritta da L. Ron Hubbard, intitolata appunto “La Via della Felicità.”

“Il libretto – spiega Giuseppe Cicogna che è cofondatore della manifestazione con l’ultramaratoneta Simone Leo – ci aiuta a ricordare quelle buone pratiche che tutti ben conosciamo, ma che il trambusto della vita moderna tende a farci un po’ dimenticare.  Il rispetto di se stessi, degli altri, dell’ambiente, l’impegno e la competenza in tutto ciò che facciamo, l’onestà e lo spirito leale e sportivo, sono tutte cose che ci fanno stare bene, sono di conforto per chi lo fa e per chi sta attorno a chi lo fa. Per questo motivo diciamo che anche la Felicità e il buonsenso sono contagiosi e vogliamo diffonderli al massimo. Ringraziamo di cuore tutte le persone che hanno partecipato e stanno continuando a partecipare”.

Entro venerdì, sulla pagina Facebook della Maratonina della Felicità, verranno comunicati i vincitori, ma la “Pandemia della Felicità” di certo  non si fermerà più.

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *