Seguici su

Curiosità

Il gioco da tavola torinese che impedirà di diventare una Milano B!

Da Torino Factory arriva Patele, il nuovo gioco da tavola della nostra città. La presentazione di Beppe Culicchia, ideatore della storia

Pubblicato

il

Dopo il successo di Torino XXL, gioco da tavola che ha avuto un discreto successo, il team di Torino factory ci riprova con Patele (in dialetto piemontese “schiaffi”). Ora in corso c’è una campagna crowfunding che sta avendo un buon riscontro, Beppe Culicchia, ideatore della storia del gioco, lo presenta cosi :

«Avete presente Arancia Meccanica? Vi siete mai imbattuti ne I guerrieri della notte? Avete amato This is England? Vi siete mai presi il tram numero 4 da un capolinea all’altro, da Falchera a Mirafiori e ritorno?…. ricordate di quando, complice il successo del primo album dei Police, tra i ragazzi delle periferie torinesi si diffuse la moda dei capelli tinti di biondo e con tanto di permanente? Avete mai notato dalle parti di Palazzo Paravia un assembramento di ragazzi piuttosto distinti raccolti intorno a un grumo cromato e super-accessoriato di Vespa e Lambretta? Di sicuro, non siete così longevi da aver visto Salgari e altri scapigliati darsi appuntamento al numero 10 di via Bligny… Ebbene: quello che ora vi trovate tra le mani è un gioco che a partire da queste e altre suggestioni riesce a tenere assieme le tante sottoculture giovanili che nel corso del tempo si sono stratificate nell’immaginario dei torinesi».

Patele, dai tamarri agli hipster

E quindi non ci saranno nazioni ma i nostri amati quartieri e a contenderseli le varie iconiche classi, ci sono i Tamarri, gli Hipster e molti altri ancora. Ma, soprattutto, i più temibili di tutti: i Pensionà. Scopo del gioco sarà la conquista del centro storico schivando divertenti intoppi. Staremo a vedere quando uscirà , intanto seguiamo questo progetto torinese

Se volete aiutarli nella raccolta fondi seguite questo link : https://patele.starteed.eu/

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *