Seguici su

Cronaca Live

Il 90% di ciò che si spende per la manutenzione pubblica, va a rimediare ad atti di vandalismo. La denuncia delle Circoscizioni

Anche nelle vostre zone si sono verificati gravi atti di vandalismo?

Pubblicato

il

E’ sufficiente farsi un’allegra passeggiata domenicale su via Po, per rendersi conto di quanto il vandalismo sia ancora assolutamente in auge. Sulle bianche pareti è possibile leggere slogan scritti male di tutte le manifestazioni che ci sono passate. E se è ridotta così una strada centralissima, non c’è da nutrire migliori speranze per le periferie.

Dati agghiaccianti

I dati dalle diverse circoscrizioni sono agghiaccianti, fra panchine danneggiate o distrutte, segnali stradali che spariscono e giochi per bambini a cui mancano pezzi. Si consideri che il 90% delle spese per la manutenzione dei beni pubblici è utile a ripristinare danni effettuati da vandali. Un’abitudine che danneggia le casse cittadine, casse che noi tutti contribuiamo a riempire.

Atti insensati

E parliamo di atti insensati come inneggiamenti al fascismo su pareti di condomini, non della ben più nobile street art che colora meravigliosamente molte pareti della nostra città. In piazza Carducci, ad esempio, a forza di calci, si sono danneggiate le transenne. Ripararle costerebbe un occhio dalla testa: «Ci vogliono 70 mila euro – dice il vicepresidente della Circoscrizione Otto, Massimiliano Miano – Una cifra impossibile da sostenere per le nostre casse».

Verranno rimossi i beni pubblici?

Dalle circoscrizioni minacciano l’abbandono o la rimozione dei beni pubblici, perché coi fondi assegnati non riescono a star dietro a tutta la manutenzione necessaria. Una situazione senza dubbio critica, specie perché non si trova il modo di limitare questi episodi, anche con tutta la videosorveglianza che ci può essere oggigiorno.

Anche nella vostra zona ci sono stati casi di vandalismo? Raccontatecene alcuni. E sensibilizziamo i cittadini tutti a denunciare i colpevoli, perché è giusto che inizino a pagare con le loro tasche e non con le nostre.

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità