Torino, chiude il bordello delle bambole: troppa poca privacy

Troppi controlli, anche degli stessi clienti che hanno perso la propria privacy. Pensate che sia giusto così?1 min


411 shares

C’era una volta una bambola, in un bordello di bambole.
E siamo parecchio letterali, citando uno dei fenomeni più curiosi e anche più tabù che ha coinvolto la nostra città per l’ultimo anno. Aveva infatti aperto una sorta di affittacamere che permetteva di intrattenersi a pagamento con delle bambole dalla forma terribilmente umana –ed anche piuttosto utopistica fra seni prosperosi e vitini da vespa in pvc.

Torino, il bordello delle bambole

Il locale, di cui è possibile rintracciare nella cronaca l’intera storia, è stato chiuso a più riprese. Dapprima è stato accusato di scarsa igiene e si è lamentato della classificazione dell’attività, che doveva essere quella di affittacamere. Poi ha dovuto traslocare anche perché in Mirafiori, dov’era la prima location, i residenti lamentavano il via vai di clienti.
Ma il problema cruciale, che l’ha fatto definitivamente chiudere, è quello della mancata privacy.

Bordello delle bambole di Torino, location (poco) segreta

La location, che doveva essere segreta e rivelata solo dopo la prenotazione dei clienti, è rimasta segreta per poco e ben presto tutti sapevano cosa andavano a fare quelle persone nel palazzo. Inoltre, come affittacamere, i titolati sono tenuti a chiedere fotocopia dei documenti di tutti i clienti.

A quanto pare, agli amanti della perversione delle bambole, non piace far conoscere la propria identità o essere noti alle forze dell’ordine che possono chiedere i registri.
Forse un Paese bigotto?
In Francia lo stesso sistema pare andare ancora alla grande e, anzi, sono state aperte altre strutture del genere.

Voi come la pensate? Vi sentite comunque più sicuri all’idea che siano noti alle autorità, quelli che frequentano un posto del genere?
Oppure pensate che le abitudini di ognuno, finché rispettano la legalità, debbano rimanere private?
E ancora: con la prostituzione illegale, almeno quanto evidente nelle strade della città, la privacy è ancora mantenuta: non è un controsenso? Controlliamo meno “l’affitto” di una donna in carne ed ossa, che quello di una bambola.

Di fatto ora la struttura è ufficialmente chiusa e visti i risultati non c’è da credere in un nuovo esperimento del genere qui in Italia, almeno per un po’.

Ti è piaciuto questo articolo? Non è stato scritto dalla redazione ma da un membro della community di Torino Fan. Iscriviti anche tu, inserisci post e condividi le tue idee o esperienze con gli altri torinesi: riceverai un Buono Amazon da 25 euro

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

411 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
0
hate
confused confused
2
confused
fail fail
4
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
1
love
lol lol
5
lol
omg omg
4
omg
win win
2
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed