Seguici su

Storie

Bentornate a casa sorelline! La dolorosa vicenda di due adolescenti

Questa volta è stato dato credito alle voci di due adolescenti disperate. Che sia l’inizio di un cambiamento?

Pubblicato

il

Sorelline separate dalla famiglia

Aprendo un giornale di Torino ho letto con stupore misto a gioia che due sorelle adolescenti, che erano state allontanate dalla famiglia a causa di una separazione difficile, sono state liberate e sono tornate a casa dalla madre.

La dolorosa vicenda

La vicenda è iniziata mesi fa con la denuncia fatta dalla madre nei confronti del padre violento. Le ragazze, invece che essere affidate alla madre o ai nonni amorevoli, sono state rinchiuse ognuna in una comunità diversa.

Perché separare famiglie e ragazzi?

Spesse volte questa sembra essere la prassi, come testimoniano molte famiglie che sono state private dei propri figli: la madre subisce violenze dal marito, denuncia il fatto alle autorità e viene privata dei figli. Questi ultimi, quasi sempre vengono separati anche tra di loro e messi in comunità diverse. Il perché è un mistero.

La potenza dei Social

In questo caso però le due ragazze non ci stanno, avendo ancora il cellulare, si fanno sentire sui social, scrivono ai giornali e la loro lettera viene pubblicata. Viene così alla ribalta la realtà cruda di ciò, che alcune volte, avviene all’interno delle comunità che accolgono i minori. Le due sorelle arrivano a dichiarare: «la vita in comunità peggio delle botte che ci dava papà».

Gravi carenze e strutture chiuse

Non è la prima volta che emergono dichiarazioni di questo tipo,  in alcuni casi  di gravi carenze accertate, alcune strutture sono state addirittura chiuse.  Fino a ora però le istituzioni, i media e l’opinione pubblica sembrano ignorare le lamentele, le richieste di aiuto, le denunce, la disperazione di coloro i quali si trovano coinvolti in questo “sistema” per un motivo o per un altro; non dimentichiamo che ce ne sono quarantamila in condizioni simili.

Questa volta no, è stato dato credito alla voce di due adolescenti disperate. Che sia l’inizio di un cambiamento?

Il CCDU è stato fondato nel 1979 ed è una Onlus italiana in contatto con il Citizens Commition on Human Rights (CCHR) che è stato fondato dallo psichiatra Prof. Thomas Szasz e dalla Chiesa di Scientology e che ha lo scopo di ripristinare i Diritti Umani e dignità nel campo della salute mentale.

Maria grazia Scaglione                                            Torino 22 Settembre 2020

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità