Seguici su

Salute

La grave eredità da Covid: uomo salvato da una eccezionale procedura

Dopo il grave danno ai polmoni, dovuto al Covid, un uomo scopre una grave coronaropatia durante lo screening pre-trapianto polmonare: un complesso intervento gli salva la vita

Pubblicato

il

Maria Pia Hospital
Eccezionale intervento al Maria Pia Hospital di Torino

Il Covid, contratto a primavera 2020, ha lasciato in eredità a un uomo di 62 anni un grave danno ai polmoni: fibrosi polmonare irreversibile. Una condizione degenerata fino a causare la perdita della funzionalità dei polmoni e la necessità di ricorrere all’ossigeno in maniera costante, portandolo a essere un candidato per il trapianto. Poi, durante la visita cardiologica necessaria per verificare l’idoneità al trapianto, una drammatica scoperta.

La grave coronaropatia

«Il paziente presentava una coronaropatia estremamente complessa, con interessamento di tutte e tre le coronarie – commenta il dott. Elvis Brscic, specialista in Cardiologia Interventistica a Maria Pia Hospital di Torino – Il rischio cardiochirurgico era proibitivo per un intervento tradizionale di bypass perché nei pazienti con insufficienza respiratoria grave l’intubazione per la ventilazione assistita necessaria durante l’intervento chirurgico aumenta in maniera significativa il rischio di polmoniti e lo sviluppo di dipendenza da ventilatore con l’impossibilità di svezzamento».

L’équipe del dott. Brscic in collaborazione con il dott. Roberto Garbo, esperto in angioplastiche coronariche complesse, hanno pertanto elaborato una strategia che permettesse il trattamento della complessa patologia coronarica mediante un approccio non chirurgico e senza necessità di anestesia generale.

A Maria Pia Hospital, struttura di Alta Specialità accreditata con il SSN, i casi complessi come questo vengono discussi con un Heart Team ovvero una équipe di specialisti composta da cardiologi, cardiochirurghi, emodinamisti, anestesisti che concorrono alla messa a punto dell’intervento, della metodica e dell’approccio migliore per tutti i casi che richiedano una visione e competenze multispecialistiche.

L’intervento salvavita

«Il paziente aveva bisogno di una rivascolarizzazione salvavita, condizione necessaria anche per rientrare in lista trapianti – spiega il dott. Garbo – Lo studio del caso ci ha portato ad adottare un approccio percutaneo, tramite un’angioplastica coronarica complessa con impianto di stent medicati e, per supportare la funzionalità di cuore e polmoni ovviando così alle problematiche respiratorie, ci siamo avvalsi dell’utilizzo di un ECMO per l’assistenza circolatoria ventricolare extracorporea, una combinazione con un carattere di eccezionalità in ambito interventistico».

Per il 62enne il rischio elevato di uno scompenso o di uno shock cardiaco ha reso necessario l’ausilio di ECMO, un sistema di assistenza circolatoria che ha garantito un’ossigenazione continua ed efficace durante l’operazione, consentendo una protezione maggiore dai rischi annessi alla procedura complessa. L’impossibilità di sottoporre il paziente ad anestesia generale rappresentava un ulteriore elemento di complessità: la procedura percutanea è stata eseguita attraverso accessi dall’arteria femorale, in anestesia locale, con paziente sveglio.

«L’intervento è stato estremamente lungo ma gestito efficacemente a quattro mani grazie proprio all’abbinamento della rivascolarizzazione mediante angioplastica con l’ECMO – racconta il dott. Brscic – Dopo sole 48 ore di degenza il 62enne è stato dimesso, con indicazione a seguire una terapia antiaggregante».

Grazie a questa procedura estremamente complessa, a distanza di qualche mese, il paziente sta bene ed è ora in grado di affrontare il trapianto di polmoni. Inoltre, la situazione clinica è migliorata sul fronte dell’affanno: la mancanza di fiato del paziente era infatti dovuta in parte sia al danno cicatriziale da Covid ai polmoni sia dalla componente coronarica.

Maria Pia Hospital, centro di riferimento nazionale per le coronaropatie complesse

La struttura torinese di GVM Care & Research è tra i centri di riferimento nazionale per il trattamento delle patologie coronariche complesse.

Tecnologie innovative e device d’avanguardia, uniti all’esperienza degli operatori e all’intesa tra i membri dell’Heart Team ha portato a registrare un alto volume di interventi di successo.

La patologia ischemica è attualmente la prima causa di mortalità nel mondo occidentale: gli infarti provocano più decessi delle neoplasie coinvolgendo una fascia di età estremamente ampia (da 30 a oltre 80 anni). L’incidenza della patologia coronarica ha una prevalenza del 70% negli uomini, con un’età media intorno ai 60 anni (l’incidenza inferiore nelle donne potrebbe essere dovuta al diverso assetto ormonale).

Oggi grazie alla disponibilità di nuovi materiali per l’approccio mininvasivo, l’esperienza degli operatori e la disponibilità di sistemi di assistenza circolatoria, in centri ad elevata specializzazione sono candidabili all’intervento con beneficio anche pazienti che in passato non venivano trattati a causa dell’alto rischio chirurgico.

L’approccio percutaneo mininvasivo mediante angioplastica ha consentito infine una riduzione degli interventi di bypass in generale e l’innovazione tecnologica nell’ambito della cardiologia interventistica ha portato ad un miglioramento dell’indice di mortalità.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending