Seguici su

Salute

Robot asporta il tumore e salva il rene a una bimba

Alla Città della Salute di Torino l’operazione del robot con tecnologia 3D salva il rene a una bimba. L’intervento tra primi al mondo

Pubblicato

il

Chirurgia robotizzata
Operazione di chirurgia robotica a Torino - Immagine rappresentativa

TORINO – Nuovi grandi progressi per la chirurgia robotica alla Città della Salute di Torino. Un robot ha asportato un tumore maligno renale a una bambina di quattro anni, senza rimuovere l’intero organo, dopo la ricostruzione in 3D. L’operazione, la prima in Italia e una delle poche al mondo secondo i sanitari che l’hanno compiuta, è durata tre ore ed è perfettamente riuscita. Dopo pochi giorni, la bambina è stata dimessa; della brutta avventura restano solo quattro piccole cicatrici sull’addome, quasi invisibili.

Arriva sofferente in ospedale

La piccola paziente, di appena 14 chili, era arrivata al Pronto soccorso dell’ospedale Infantile Regina Margherita prima di Pasqua con febbre alta e dolori addominali. Gli esami hanno rivelato una massa di circa 4 centimetri al polo superiore del rene destro. Ricoverata nel reparto di Oncoematologia diretto dalla professoressa Franca Fagioli, l”intervento è stato eseguito dal professor Gontero e dalla sua équipe nelle sale robotiche dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, in collaborazione con anestesisti e rianimatori dell’ospedale Infantile Regina Margherita (direttore Giorgio Ivani) e con il personale infermieristico delle sale operatorie sia delle Molinette che dell’ospedale pediatrico. Il tumore è stato asportato e il rene preservato.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità