Seguici su

Salute

A Candiolo la realtà aumentata negli interventi di cancro rene e prostata

Grandi passi nella lotta al cancro a Candiolo (Torin): con la Realtà aumentata un super occhio per vedere dentro le neoplasie di rene e prostata

Pubblicato

il

Realtà aumentata contro il cancro a Candiolo

TORINO – Nuovi importanti passi nella lotta al cancro all’ IRCCS Candiolo. Qui, la realtà aumentata diventa il ‘super occhio’ del chirurgo per vedere dentro il tumore. Il rivoluzionario approccio, i cui risultati preliminari sono stati di recente pubblicati nella prestigiosa rivista European Urology, è stato messo a punto dal team di urologi guidati da Francesco Porpiglia, Ordinario di Urologia del Dipartimento di Oncologia IRCCS Candiolo – Ospedale San Luigi dell’Università di Torino, e dagli ingegneri biomedici del Politecnico di Torino.

La realtà aumentata e il cancro

«Grazie all’innovativa applicazione della realtà aumentata, resa disponibile da un software specifico, le immagini del modello 3D presenti su un supporto digitale vengono ‘combinate’ e sincronizzate con le immagini intraoperatorie, fornite dalla telecamera robotica – spiega Porpiglia – Ciò consente di sovrapporre l’organo virtuale alla parte da operare, permettendo al chirurgo di vedere in tre dimensioni l’interno del tumore in tempo reale e ottimizzando la coordinazione tra occhio e mano dell’operatore che non deve più spostare lo sguardo su un monitor esterno per vedere le immagini digitali».

Una tecnologia molto utile

La tecnologia si sta rivelando molto utile per l’identificazione del tumore alla prostata, «modulando l’ampiezza dell’asportazione così da preservare il più possibile le strutture nervose responsabili dell’erezione e della continenza urinaria», e nell’identificare i tumori del rene nascosti all’interno dell’organo. «Non possiamo curare con questo rivoluzionario approccio tutti i pazienti o tutti i tipi di tumore – conclude – ma i progressi degli ultimi anni ci fanno ben sperare e ora abbiamo senz’altro un’arma in più contro la malattia».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità