Seguici su

Meteo

Maltempo: nubifragi e forte vento, in Piemonte allerta rossa

S’intensificano le precipitazioni su tutta la regione. Aperta H24 la sala operativa della Protezione Civile

Pubblicato

il

Maltempo
Maltempo in Piemonte: allerta rossa

Notte da allerta rossa per il maltempo in due ampie aree del Piemonte, tra Verbano e Novarese, nel nord della regione, e nell’alessandrino, al confine con la Liguria, dove già ieri ci sono state piogge torrenziali che hanno portato alcuni fiumi oltre il livello di pericolo, come l’Orba a Basaluzzo (Novara) e l’Erro, rimasto per molte ore 60 cm al di sopra della soglia. Per il momento, invece – fino a ieri sera, secondo l’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) – non si registrano incrementi significativi lungo l’asta del Po e del Tanaro.

Ma nelle prossime ore, il minimo depressionario che oggi è stato in Costa Azzurra, si sposterà verso il golfo ligure determinando – spiega sempre Arpa – un aumento dei venti sia nei bassi strati da sud est sia in quota. È attesa dunque «un’intensificazione delle precipitazioni su tutta la regione, con valori anche molto forti sul settore orientale, in particolare su Verbano e zone pedemontane settentrionali», mentre «perdureranno ancora picchi sostenuti e persistenti sull’Alessandrino».

Alle 19:30 di ieri le stazioni pluviometriche hanno misurato 854,8 mm a Rossiglione (Genova), al confine con la provincia di Alessandria, 598,6 mm a Montenotte Inferiore (Savona), al confine con il Cuneese, 525 al Bric Berton, a Ponzone (Alessandria), 316,2 a Ovada (Alessandria).

Aperta h24 la sala operativa della Protezione civile

Intanto la Regione Piemonte informa che la Sala operativa della Protezione civile della Regione Piemonte è attiva in modalità H24 fino al termine dell’ondata di maltempo prevista per le prossime 30 ore.

La decisione fa seguito al bollettino di allerta emesso da Arpa Piemonte che, considerata l’intensità delle precipitazioni e gli innalzamenti dei livelli idrometrici, ha comportato allerta rossa per rischio idrogeologico ed idraulico su Toce, Belbo e Bormida, arancione su Sesia, Cervo, Chiusella, Scrivia, pianura settentrionale e Tanaro, gialla su pianura torinese, Valle Orco, Valli di Lanzo, Bassa Valsusa e Valsangone.

L’intensificarsi del flusso di correnti umide meridionali si farà sempre più intenso soprattutto sulla parte orientale del Piemonte. Previsti pioggia intensa e temporali ancora violenti in particolare dalle ore serali del 4 ottobre e più probabili sul settore appenninico e tra Verbano, Biellese e Novarese. Martedì la parte più attiva della perturbazione si sposterà verso le regioni nord-orientali della nostra penisola, favorendo un graduale miglioramento delle condizioni meteorologiche dal pomeriggio.

Sulla parte settentrionale del Piemonte sono previste criticità moderate nel bacino del Sesia e probabilmente elevate in quello del Toce. Lungo l’asta del Po si assisterà ad un graduale incremento dei livelli nella parte più orientale del bacino.

È stato attivato il volontariato che monitora con continuità l’evolversi della situazione ed è pronto a dare supporto alle autorità locali e territoriali.

Si invitano i cittadini a tenersi informati sull’evolversi della situazione consultando i siti di Regione e Arpa Piemonte www.regione.piemonte.it/protezionecivile/ e www.arpa.piemonte.it/bollettini/ e il canale Twitter di Regione Piemonte https://twitter.com/ProCivPiemonte.

Si ricorda, inoltre, di attenersi alle indicazioni di comportamento per l’autoprotezione indicate al link https://www.regione.piemonte.it/web/temi/protezione-civile-difesa-suolo-opere-pubbliche/protezione-civile/allertamento-monitoraggio/cosa-fare-caso-allerta.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità