Seguici su

Comune di Torino

Torino diventa la casa delle Atp Finals di tennis dal 2021 al 2025. Il commento della Appendino

Una bella notizia per Torino e tutti gli sportivi: il capoluogo piemontese è stato infatti scelto per essere la sede delle ATP Finals di tennis dal 2021 al 2025. Il commento della sindaca Appendino

Pubblicato

il

Tennis

«Torino ce l’ha fatta, ha vinto le ATP Finals 2021-2025: è un sogno su cui abbiamo lavorato che è diventato realtà – così ha esordito su Facebook la sindaca Chiara Appendino dopo aver appreso la notizia –  È stata un’emozione incredibile vivere il momento dell’annuncio, un grandissimo lavoro di squadra, uno degli ingredienti più importanti. Ringrazio il Governo che ci ha creduto. Tutto il mondo sta parlando di Torino e parlerà di Torino nei prossimi 5 anni – ha proseguito la Appendino – È un evento che ha una rilevanza internazionale incredibile. Siamo orgogliosissimi di aver convinto ATP, che ringrazio della fiducia che ha concesso al sistema-Paese. L’indotto stimato sui 5 anni è di circa 500 milioni, una grandissima occasione per la nostra città. C’erano 40 città candidate, siamo entrate nelle prime 5 e oggi questo è un successo per l’intero Paese. Città al centro, ambiente e innovazione saranno le tre parole chiave del progetto».

La “casa” della ATP Finals

Per cinque anni, dunque (dal 2021 al 2025), Torino sarà la sede delle ATP Finals: il più grande appuntamento dell’anno con il tennis professionistico, insieme ai quattro tornei del grande slam (Melbourne, Parigi, Londra e New York). Un eccezionale evento in cui si sfidano i migliori otto tennisti delle annuali classifiche ATP di singolare e di doppio – spiegano dalla Città di Torino. L’annuncio è stato ufficialmente dato dall’ATP Tour, l’associazione che organizza tutti i maggiori tornei tennistici del circuito internazionale tra cui le Finals.

Un evento sportivo prestigioso

«Le ATP Finals – sottolinea la prima cittadina Appendino – sono un evento sportivo prestigioso, di grande richiamo e rappresentano una delle proposte tennistiche più attese a livello mondiale». La popolarità dell’evento è ben nota e dimostrata dai numeri relativi agli spettatori che seguono le ATP finals dal vivo. Basti pensare che negli ultimi 9 anni, le Finals hanno portato a Londra oltre 2 milioni e 300mila persone. E ogni anno si contano presenze costantemente superiori alle 250mila. Anche la copertura mediatica mondiale è sempre elevata: quella televisiva, con anche i canali digitali, ha realizzato in media 101,9 milioni di visualizzazioni. Le produzioni video effettuate sono state 10milioni, mentre sono state 96 milioni le persone che hanno seguito l’evento attraverso i canali Tv. Gli otto giorni di durata del torneo rappresentano pertanto una prestigiosa vetrina internazionale per il Paese e per la nostra città che ne è sede.

Un ritorno d’immagine ed economico

Ospitare le ATP Finals offre non solo un ritorno positivo quanto a immagine del territorio e della città di Torino, ma avrà anche una altrettanto positiva ricaduta economica.  Si prevede per ogni edizione un fatturato di circa 50milioni di euro, con un potenziale ritorno per il territorio quantificabile tra i 120 e i 150 milioni di euro ogni anno. Non mancheranno inoltre molti altri benefici intangibili in termini di promozione del turismo.

Battuta la concorrenza

Essersi aggiudicati le APT Finals è un grande traguardo, anche perché la concorrenza era agguerrita e formata da alcune tra le più grandi metropoli mondiali. Basti sapere che nello scorso dicembre erano state 39 le città che avevano presentato la propria candidatura. Dopo una prima scrematura, ne erano state scelte 5: oltre a Torino, Londra che è sede dal 2000 e fino all’edizione del prossimo gennaio, Manchester, Singapore e Tokyo). Da queste ultime candidate è poi stata scelta Torino. «La chiave del successo di Torino – fa notare la sindaca Appendino – non risiede solo nella qualità di una proposta eccellente e innovativa, ma dobbiamo tenere conto che un ruolo fondamentale e un contribuito determinante al buon esito della candidatura italiana è stato assicurato dal sostegno, dall’impegno e dalla capacità di “fare squadra” da parte delle istituzioni locali (Città di Torino, Regione Piemonte e Camera Commercio di Torino), di quelle sportive (dalla Federazione Italiana Tennis in primo luogo al Coni e a Sport e Salute), del Governo e dell’Istituto per il Credito Sportivo e, non ultimo, dal coinvolgimento di associazioni, enti e imprese del nostro territorio».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità