Seguici su

Eventi

Gay Pride a Torino: perché quest’anno sarà completamente diverso

La Mole Antonelliana vestita con i colori dell’arcobaleno. La battaglia per i diritti non si ferma e quest’anno il Gay Pride sarà completamente diverso. Ecco come

Pubblicato

il

TORINO – La rete e la Mole Antonelliana vestite di arcobaleno, un talk live su Facebook, una raccolta alimentare per Torino Solidale e un fumetto creato da Rèn e ispirato all’hashtag della giornata #LaSicurezzaDeiDiritti.  Così, il 20 giugno, Torino celebra il suo Pride, il primo in modalità virtuale per l’emergenza Covid-19, a causa della quale per la prima volta la manifestazione simbolo dell’orgoglio Lgbtq+ non invade le strade.

Gay Pride a Torino

La battaglia per i diritti non si ferma e prende dunque nuove strade, prima di tutto quella del web, dove il Torino Pride invita tutti a partecipare alla giornata condividendo sui social “ogni contributo con cui si sentirà di partecipare in prima persona al Pride”. La piattaforma di GayDay2 ospita inoltre una staffetta live per i diritti, con ospiti come Vladimir Luxuria, i rettori di Università e Politecnico Stefano Geuna e Guido Saracco, Oscar degli Statuto, ConiglioViola, Monica Carocci, Pierluigi Pusole. E dalle 20 anche il simbolo della città si colora di arcobaleno grazie a Comune e Iren. «Questo momento, anche se principalmente sul web – sottolinea la coordinatrice del Torino Pride Graziana Vetrano -, è necessario per mantenere viva l’attenzione, anche durante l’emergenza Covid, sui passi che è ancora necessario compiere per vedere davvero riconosciuti i diritti di tutte e tutti».

Gay Pride Torino

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità