Seguici su

Economia

Torino va in orbita, Exos produrrà in città i suoi razzi sostenibili. Nuovi posti di lavoro

L’azienda aerospaziale Exos produrrà all’Enviroment Park di Torino razzi suborbitali riutilizzabili. Si creeranno nuovi posti di lavoro

Pubblicato

il

Exos produrrà missili a Torino

Torino va in orbita con Exos Aerospace Systems and Technologies, l’azienda aerospaziale del Texas fra le tre al mondo con licenza di produrre razzi suborbitali riutilizzabili da impiegare in test su componenti e sistemi destinati alla messa in orbita. Exos, che è una delle dieci negli Usa con licenza di lancio, attiverà una sede presso l’Enviroment Park di Torino, riporta una nota della Regione Piemonte.

Soddisfazione per Torino e il Piemonte

Il progetto è frutto dell’impegno di Regione, Ceipiemonte, Confindustria Piemonte e Unioncamere. Ed è stato illustrato alla presenza del ceo e cofondatore John Quinn e dell’assessore regionale all’Internazionalizzazione, Fabrizio Ricca. Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore al Lavoro e Formazione professionale Elena Chiorino: «Il rilancio dell’economia italiana passa anche dal Piemonte e questa buona notizia ne è una dimostrazione tangibile. Mai come in questo momento storico sono più che determinata nel sostenere con forza che la ripartenza deve passare attraverso una nuova attrattività appetibile a nuovi investitori. È fondamentale proseguire su questa strada, puntando soprattutto sulla formazione di alto livello creando un modello di Academy capace di offrire, proprio a chi vuole investire in Piemonte, personale sempre formato e aggiornato, rispondendo così all’esigenza di domanda e offerta che i nuovi mercati, in rapidissima evoluzione, esigono».

Creare sinergie con le menti del territorio piemontese

«La nostra missione – ha spiegato Quinn – non è solo costruire i razzi riusabili, ma anche poter creare sinergie con le Università del territorio e le brillanti menti presenti in Piemonte. Creeremo centinaia di posti di lavoro, ma si svilupperà anche un grande indotto. Nei nove mesi in Piemonte che ci hanno portato a questo risultato di oggi siamo riusciti a fare più di quanto avessimo fatto nei tre anni dal nostro arrivo in Italia. Siamo molto grati per tutto l’appoggio che ci è stato dato: da oggi la corsa low cost allo spazio non sarà più solo una missione di Exos ma anche degli imprenditori del Piemonte».

Una nuova era dell’industria

L’assessore Ricca si è detto «molto orgoglioso di poter dare corso a una nuova era dell’industria piemontese» e ha sostenuto che «la sinergia tra tessuto istituzionale e produttivo che ha portato a questo risultato sarà la nostra rotta per il futuro. L’obiettivo è procurare energie fresche e nuovi posti di lavoro. Ma anche quello di far scoprire il nostro territorio: quando mister Quinn tornerà in Texas, sarà la nostra migliore cartolina».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità