Seguici su

Economia - Regione

Il Piemonte deve ripartire: l’incontro tra i presidenti della Regione di passato e presente

Un significativo incontro tra i presidenti della Regione, del passato e del presente, su vaccinazioni e ripartenza del Piemonte. Ecco cosa è emerso

Pubblicato

il

I presidenti della Regione Piemonte
L'incontro tra i presidenti della Regione Piemonte - credit Regione Piemonte

Un incontro significativo, quello tenutosi in Regione. L’importanza che tutti i cittadini accolgano l’invito a farsi vaccinare e le iniziative per il rilancio dell’economia e della società sono stati i punti al centro dell’incontro che il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha voluto convocare con i presidenti emeriti Enzo Ghigo, Mercedes Bresso, Roberto Cota e Sergio Chiamparino.

Un momento storico

«Stiamo vivendo un momento storico in cui si prendono decisioni di estrema rilevanza per il futuro dei piemontesi – ha sostenuto Cirio – In casi come questo per governare bene bisogna saper ascoltare la storia della Regione e per questo ho voluto invitare i presidenti che mi hanno preceduto, che ringrazio di aver accettato e con i quali era giusto e doveroso confrontarsi. Abbiamo condiviso visioni e valutazioni importanti di cui farò tesoro per il rilancio di Torino e del Piemonte. Le scelte per ripartire non devono avere colore politico, ma il colore della condivisione».

Vaccini, automotive e scienze

Oltre a concordare sulla necessità di convincere chi è ancora restio a vaccinarsi, soprattutto gli over60, i presidenti emeriti hanno portato all’attenzione di Cirio la necessità di individuare una strategia sugli sviluppi che automotive e scienze della vita potranno avere nei prossimi dieci anni, di portare al Governo una proposta di interventi per rafforzare la vocazione industriale del territorio, di utilizzare i fondi europei come occasione di ripartenza per l’economia, di insistere anche sui percorsi della residenzialità universitaria e del turismo.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *