Seguici su

Economia

Il Piemonte diventa digitale: una svolta epocale

La trasformazione digitale del Piemonte è una svolta epocale che getterà le basi per il futuro non solo della regione, ma anche dell’Italia

Pubblicato

il

Sviluppo digitale
Svolta digitale in Piemonte

Il Piemonte diventa digitale, per questo è stata organizzata una giornata per fare il punto sullo stato dell’arte della trasformazione digitale, una svolta epocale che getterà le basi per il futuro dell’Italia e del Piemonte. L’evento è stato organizzato dalla Regione in collaborazione con CSI, Torino Wireless e TOP-IX.

Diventare leader nazionali

Ad aprire i lavori del mattino i saluti del presidente Alberto Cirio: «Ci sono due pilastri per lo sviluppo dell’innovazione: le idee e le risorse, e noi mai come ora le abbiamo entrambe e ci possiamo giocare le nostre carte per diventare leader nazionali sui temi dell’innovazione. Fondamentale la collaborazione con le Università, per la ricerca, e con i partner del sistema».

La chiusura, spiega una nota della Regione, è stata da parte dell’assessore regionale all’Innovazione Matteo Marnati: «La trasformazione digitale è uno dei perni sui quali si incentreranno grandi progetti che ci permetteranno di raggiungere gli obiettivi che sono sì i singoli cittadini, ma anche le nostre aziende. Abbiamo un territorio molto variegato, dove esistono grandi città ma anche tanti piccoli borghi: tutti devono avere le stesse possibilità. Il digitale migliorerà la qualità della vita. Il Piemonte c’è, ed è pronto anche se c’è ancora tanto lavoro da fare, importante è far parte di una grande squadra e fare sistema».

Il piano nazionale di ripresa e resistenza

Il Capo dipartimento per la Trasformazione digitale Mauro Minenna ha illustrato gli obiettivi del Governo nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il ruolo degli enti territoriali: «Per arrivare ai risultati che ci siamo prefissati bisogna far leva su quello che è stato realizzato centralmente e territorialmente dove ci sono vere eccellenze, come per esempio il Csi. Fondamentale il rapporto con i territori, che saranno protagonisti di questo cambiamento».

Sono poi intervenuti Pietro Pacini, direttore generale del CSI Piemonte, Davide Calonico, presidente del Consorzio TOP-IX, e Massimiliano Cipolletta, neopresidente di Fondazione Torino Wireless, insieme a rappresentanti del mondo privato come Francesco Bonfiglio, amministratore delegato di Gaia X, ed Emanuela Girardi, Founder Pop Al.

Nel pomeriggio si sono svolti in videoconferenza quattro tavoli tematici: “Ricerca, Innovazione e Competitività del sistema produttivo” con la presenza dell’assessore regionale alle Attività produttive, Andrea Tronzano; “La salute post Covid-19” con la presenza dell’assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi; “Connettività e trasformazione digitale: un investimento strategico” moderato da Antonello Angeleri, segretario generale di ANFoV, e “Turismo e Cultura 4.0” con la presenza dell’assessore regionale al Commercio, Cultura e Turismo, Vittoria Poggio.

L’importanza della digitalizzazione

Tronzano ha sostenuto che «temi come la digitalizzazione avranno un ruolo determinante nel completamento della transizione del sistema produttivo e nel rafforzare la sua competitività», Icardi ha dichiarato che «la digitalizzazione della Sanità ha compiuto nel tempo della pandemia passi avanti che fino a qualche mese prima sembravano impossibili, tanto che per la prima volta tutti i soggetti sanitari regionali, dalle Aziende sanitarie locali ai laboratori di analisi pubblici e privati, dalle strutture sociosanitarie ai medici di medicina generale, dai sindaci alle forze dell’Ordine sono stati messi in grado di dialogare in tempo reale sulla medesima piattaforma informatica», e Poggio ha evidenziato che «la componente tecnologica diventa sempre più determinante nell’industria della cultura e del turismo, in quanto l’utilizzo degli strumenti digitali in funzione dei servizi ai visitatori ed alla promozione dei territori accresce il valore e la competitività’ dell’offerta culturale e dell’accoglienza turistica».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *