Seguici su

Economia - Regione

Guerra in Ucraina e crisi energetica: il Piemonte punta sulle biomasse per ridurre dipendenza dal gas

Ridurre la dipendenza dal gas (russo) puntando sulle biomasse: l’idea del Piemonte per diventare autonomi

Pubblicato

il

Biomasse
Ridurre la dipendenza dal gas sfruttando le biomasse in Piemonte

Dopo la crisi energetica, scatenata dalla guerra in Ucraina, il Piemonte punta sulle biomasse per avvicinarsi all’autonomia energetica, obiettivo mai così attuale come in questo momento storico. E chiede al governo di rivedere il Pnrr per ottenere le risorse necessarie a realizzare il progetto.

«Studi dimostrano che in cinque anni potremmo affrancarci dall’utilizzo del gas di una quota pari almeno al 15%. Un percorso non semplice, per via dei costi, ma più che realistico», afferma all’ANSA l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte, Matteo Marnati, annunciando l’intenzione condivisa con il presidente Alberto Cirio di scrivere al ministro Cingolani e al premier Draghi.

La biomassa

«L’utilizzo della biomassa legnosa ai fini energetici è lo strumento chiave per diminuire la dipendenza energetica dalle fonti fossili tradizionali e per la mitigazione dell’emissione di CO2», osserva l’assessore Marnati, che ha incontrato alcuni operatori di società energetiche per verificare la possibilità di promuovere in Piemonte la filiera corta delle biomasse. «Ci sono stati prospettati alcuni scenari, frutto di studi, in base ai quali – prosegue – un milione circa di persone, ovvero un quarto dei piemontesi, potrebbero sostituire le caldaie a metano e gasolio con quelle alimentate a biomassa attraverso centrali a teleriscaldamento di ultima generazione».

Poco impatto ambientale

«Parliamo di impianti poco impattanti che, grazie ai nuovi filtri permettono l’abbattimento di CO2, polveri sottili e ossidi di azoto almeno alle emissioni del metano, quindi pari a zero – spiega ancora Marnati – Potremmo partire in tempi brevi e avere le prime centrali in 18 mesi o, al massimo, due anni».

Un piano anche per il fotovoltaico

Punta alla autonomia energetica anche il potenziamento del fotovoltaico. «Il Piano energetico piemontese da poco approvato, in sostituzione dell’ultimo che era addirittura del 2004, prevede di triplicare gli impianti entro il 2030 – conclude Marnati – Questo significa ridurre del 4% l’anno la dipendenza dal gas. Sono soluzioni realistiche, ma il Governo deve venirci dietro col Pnrr. Per questo, col presidente Cirio scriverò a Cingolani e a Draghi per chiedere loro di prendere in considerazione questo progetto».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità