Seguici su

Economia - Regione

Come trovare i migliori conti correnti low cost

Trovare il conto corrente migliore e più conveniente è possibile: tutte le dritte per fare la scelta giusta

Pubblicato

il

Conti correnti low cost: quale scegliere

Tenere i propri risparmi sotto il materasso non è la scelta migliore da fare. Avvalersi di uno strumento finanziario, come un conto corrente, è la soluzione migliore per mettere al sicuro i propri soldi. Questo, infatti permette di fare pagamenti con il denaro virtuale, impiegando ad esempio le carte di credito, ed è anche un sistema davvero molto comodo per gestire le proprie finanze in qualunque posto in cui ci si trova, usando l’internet banking.

Chi pensa che un conto corrente sia uno strumento valido ma le spese da sostenere per aprirlo e mantenerlo sono davvero proibitive si sbaglia. Adesso esistono quelli low cost, cioè a basso costo, che sono adatti proprio a tutti, in quanto consentono una gestione davvero smart delle proprie finanze, senza troppe spese.

Conto corrente low cost: cos’è

Un conto corrente è uno strumento finanziario offerto dalle banche che consente di:

  • Mettere in un posto sicuro i propri risparmi.
  • Trasformare i soldi in denaro elettronico.
  • Accedere ad altri tipi di servizi come la creazione e ricezione di bonifici, la domiciliazione delle utenze, l’ottenimento di un libretto di assegni.

Si tratta di un servizio dato dagli istituti di credito per cui si paga una somma mensile, tale importo è variabile e dipende da vari fattori. In tal senso esistono, però, alcuni conti correnti definiti low cost, in cui il canone è molto ridotto ma i servizi offerti sono comunque validi.

Per farsi un’opinione generale e completa su tutti i conti correnti a basso costo, che attualmente sono disponibili, si può vistare il portale Chescelta.it. Infatti, questo sito offre all’utente la possibilità di consultare recensioni molto dettagliate e specchietti riassuntivi che, in un solo colpo d’occhio, permettono di avere una visione dei pro e dei contro del prodotto scelto. Si tratta davvero di un vantaggio che permette di risparmiare tempo, in quanto non si devono leggere le specifiche di ogni conto corrente, e che evita anche rischio di non comprendere bene il contratto che si andrà a stipulare, qualora non si abbiano conoscenze approfondite in questo ramo.

A chi è adatto questo tipo di strumento finanziario

I conti correnti low cost, molto spesso, sono quelli che hanno un sistema di internet banking. Questo vuol dire che l’utente può accedere alla propria pagina personale su un sito dedicato e da qui gestire le finanze, quindi può: fare bonifici, scaricare estratti conto, ecc. Ciò evita di ricorrere all’assistenza dei dipendenti che operano nelle filiali e questo costituisce davvero una riduzione delle spese. Chi non è pratico con il computer, però, non deve spaventarsi in quanto si tratta di siti con un user experience davvero centrata sul cliente, quindi molto facili da usare e intuitivi. Molti di questi presentano dei tutorial e dei menù di navigazione facilmente accessibili.

Alcuni conti correnti low cost sono pensati appositamente per quelle fasce di popolazione che non hanno grandi entrate si tratta di:

  • Quelli dedicati ai giovani al di sotto di una certa età che ancora non lavorano.
  • Quelli pensati alle famiglie in cui più componenti della stessa devono usare il medesimo conto per versare e prelevare soldi.
  • Quelli progettati per i pensionati che preferiscono l’accredito della pensione e la domiciliazione delle bollette.

Prima di aprire un conto corrente una buona idea è quella di visionale quali sono le spese, soprattutto quelle relative al prelievo di contanti dall’ATM, sia dallo sportello della propria banca che da quelli differenti. Inoltre bisogna prendere in considerazione un’unica carta di credito da condividere, perché, molte volte, il secondo esemplare potrebbe prevedere delle spese aggiuntive.

Potenzialmente tutti i conti correnti potrebbero essere low cost, l’importante è fare caso alle opzioni che si scelgono, per questo spesso una buona idea è quella di leggere recensioni e pareri prima di aprirne uno.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending