Seguici su

Cronaca Live

Torino, cucciolo di pitbull pericolosamente a spasso in mezzo al traffico: i Vigili lo salvano ma vengono aggrediti dal padrone

Un cucciolo di pitbull passeggiava pericolosamente in mezzo al traffico. I Vigili lo mettono al sicuro ma vengono aggrediti dal padrone, che è stato poi trovato in possesso di armi e droga

Pubblicato

il

polizia municipale torino
Immagine rappresentativa

TORINO – Domenica pomeriggio, durante il turno di pattuglia nella zona centro, due agenti del Reparto Operativo Speciale della Polizia Municipale, attirati dai clacson delle auto ferme in coda, hanno visto un cucciolo di Pitbull che passeggiava libero in mezzo alla carreggiata di via XX Settembre. Oltre a rappresentare un pericolo per la propria incolumità, il piccolo cane stava anche intralciando il traffico veicolare.

Aggrediti dal padrone

I due agenti si sono avvicinati al cucciolo per metterlo in sicurezza e nel frattempo sono stati anche attirati dalle urla di un uomo di una certa età in stato di agitazione che richiamava il cane. I ‘civich’, dopo aver intuito che si trattava del padrone del pitbull, in maniera garbata hanno invitato l’uomo a tenere il cucciolo al guinzaglio, tentando di fargli capire che ne andava della sua incolumità.

L’uomo, senza alcun motivo, si è scagliato contro i due vigili, spingendoli e insultandoli in maniera plateale. Gli agenti non hanno ceduto alla provocazione dell’uomo e, sempre con educazione, gli hanno chiesto le generalità e un documento di riconoscimento. La reazione fisica del proprietario del cane è stata ancora più violenta e i vigili hanno dovuto immobilizzare l’uomo.

Armi e droga

Il settantatreenne di nazionalità italiana, era in possesso di due coltelli con lame da 8 e 6 centimetri, oltre 3 grammi di sostanza stupefacente (hashish), per cui è stato accompagnato al Comando della Polizia Municipale di via Bologna insieme al cane che è stato accudito dagli agenti fino al rilascio del padrone. L’uomo, in virtù della sua età, è stato denunciato a piede libero per possesso d’armi, resistenza a Pubblico Ufficiale e detenzione di sostanza stupefacente.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità