Seguici su

Cronaca Live

Torino, anziana imbavagliata, bendata, picchiata e sequestrata in casa

Grave episodio ai danni di un’anziana di 74 anni, picchiata, imbavagliata e sequestrata a casa sua. Carabinieri arrestano tre rapinatori. Il VIDEO

Pubblicato

il

Rapina in casa a Torino
Anziana rapinata in casa a Torino

TORINO – I carabinieri della Compagnia Torino San Carlo hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare, emessa dal Gip del capoluogo piemontese su richiesta del Gruppo criminalità organizzata comune e sicurezza urbana della locale Procura della Repubblica, nei confronti di tre persone, ritenute responsabili di concorso in rapina in abitazione, lesioni personali aggravate e sequestro di persona.

La violenta rapina

L’indagine, condotta tra i mesi di ottobre 2020 e giugno 2021, ha consentito di individuare gli autori di una violenta rapina in abitazione commessa il 15 ottobre scorso nel centro di Torino. Dopo aver suonato alla porta e che la vittima ha aperto, i rapinatori, tutti con il volto coperto, l’hanno spinta all’interno a terra e l’hanno picchiata mantenendo le mani sul collo e sulla bocca per poi infilarle del cellophane per non farla urlare.

Poi l’hanno imbavagliata, le hanno bendato gli occhi, legato mani, gambe e piedi e l’hanno trascinata all’interno del bagno chiudendo la porta e lasciando l’anziana al buio. I rapinatori avevano portato via due orologi di lusso, collane di perle, oro e argento. Era stata la vittima a dare l’allarme al 112 dopo essersi liberata. In ospedale, la donna era stata medicata e dimessa con una prognosi di 14 giorni per contusioni varie su tutto il corpo.

Il video dei rapinatori registrato dalle telecamere di sorveglianza

Le immagini di videosorveglianza pubblica e privata del quartiere, l’analisi del traffico telefonico e gli accertamenti tecnico-scientifici effettuati dai carabinieri del R.I.S. di Parma sul materiale sequestrato, hanno consentito di individuare gli autori della rapina e di ricostruire le fasi dell’azione delittuosa.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità