Seguici su

Cronaca Live

Torino, aggiornamento operazione di Polizia sugli scontri del 26 ottobre: 37 arresti

L’operazione della Polizia, in corso dalle prime ore dell’alba, ha portato all’arresto di ben 37 persone

Pubblicato

il

Devastazioni e saccheggi in centro a Torino
Devastazioni e saccheggi in centro a Torino la notte del 26 ottobre 2020

TORINO – Alle prime ore dell’alba, la Squadra Mobile della Questura di Torino, sotto il costante e pregnante coordinamento della Procura presso il Tribunale e della Procura per i Minorenni di Torino, ha eseguito i provvedimenti restrittivi emessi nei confronti di trentasette persone gravemente indiziate del delitto di devastazione e saccheggio commesso in questo centro cittadino la sera del 26 ottobre 2020.

Proteste violente

La complessa attività d’indagine aveva preso avvio dopo i fatti verificatisi quella sera, a margine di una manifestazione indetta per protestare contro le restrizioni governative adottate per fronteggiare la pandemia da Covid 19, alla quale avevano preso parte cittadini, commercianti, ultras ed aderenti dei centri sociali antagonisti.

Nell’occasione, un nutrito gruppo di facinorosi, ingaggiando violenti scontri contro le Forze dell’Ordine, aveva dato luogo ad episodi di vera e propria “guerriglia urbana”, danneggiando e saccheggiando negozi (quali Gucci, Louis Vuitton, Astrua …), arredi urbani e mezzi delle Forze di Polizia impiegate nel servizio di ordine pubblico, con un rilevante danno economico; negli scontri erano anche rimasti feriti 10 operatori di Polizia.

Attività investigativa

L’attività investigativa riguardante le condotte delittuose di tipo predatorio, è stata sviluppata grazie alla disamina del materiale video e fotografico acquisito (sia quello prodotto dai sistemi di videosorveglianza pubblici, che di quelli privati) ed alla successiva analisi delle specifiche condotte degli autori dei reati, evidenziate nei numerosi contributi filmati. Il materiale raccolto ha consentito alle Autorità Giudiziarie procedenti di apprezzare l’oggettiva gravità delle condotte, dimostrando che i facinorosi si erano resi responsabili non di semplici condotte predatorie integranti il reato di furto, bensì del ben più grave delitto di devastazione e saccheggio.

Come contestato nei provvedimenti restrittivi, infatti, l’impossessamento indiscriminato da parte di una moltitudine di persone di un’ingente quantità di beni ai danni di svariati negozi, con un’azione sorretta da spirito di assoluta prepotenza e noncuranza per l’ordine costituito, aggravata, nel caso in esame, dalla circostanza di aver commesso il fatto nel corso di manifestazioni in luogo pubblico.

Le modalità delle condotte poste in essere da tutti gli indagati (plasticamente desumibili dalla visione dei filmati) rendono infatti palese che gli stessi, forti del proprio numero e della propria violenza, si fossero appropriati di ogni capo d’abbigliamento ed accessori di lusso a portata di mano e senza differenza alcuna; il tutto agendo con assoluto disprezzo per l’ordine costituito e, anzi, con la chiara volontà di creare disordine, di condizionare l’operato delle Forze dell’Ordine e di instaurare un clima di confusione e di terrore nella cittadinanza, già fortemente provata dall’emergenza pandemica.

Il complesso lavoro degli investigatori della Squadra Mobile ha provato, grazie anche al prezioso contributo fornito dalla locale D.I.G.O.S., che le condotte predatorie erano state perpetrate previa preparazione e concertazione tra i soggetti coinvolti, che si erano trovati quella sera, alla medesima ora e nel medesimo luogo, successivamente ad un “passaparola” sui social, già organizzati (travisati parzialmente o completamente) per approfittare della situazione generata dai violenti scontri contro le Forze dell’Ordine impiegate nel servizio di ordine pubblico.

Peraltro, nella giornata immediatamente successiva ai fatti, gli investigatori evidenziavano la presenza di una pagina del social network Instagram, che la Polizia Postale successivamente congelava, creata per promuovere, condividere e per enfatizzare le loro iniziative criminali (torino.criminalpage), esaltando la comune provenienza dei malviventi dalla zona di Barriera Milano; da qui prendeva il nome l’indagine che conduceva agli odierni provvedimenti restrittivi. La stessa pagina Instagram veniva altresì utilizzata per pianificare ed istigare nuove azioni criminali, che sarebbero invece state scongiurate dai successivi imponenti servizi di ordine pubblico, istituiti in occasioni di successive analoghe manifestazioni di piazza.

La meticolosa disamina di tutti i filmati acquisiti e lo sviluppo dei dati di traffico telefonico delle utenze di ogni soggetto coinvolto, unitamente agli accertamenti effettuati sui vari profili social dal personale della Polizia Postale, hanno permesso agli investigatori di raccogliere un grave quadro indiziario: sono state infatti isolate immagini dalle quali emergono inequivocabilmente le condotte delittuose di ciascuno dei soggetti coinvolti, evidenziando ogni caratteristica e dettaglio utile ai fini identificativi.

Tali elementi, in particolare l’abbigliamento e le calzature indossate dai soggetti autori delle condotte delittuose, sia durante le azioni predatorie che nel tragitto percorso prima e dopo i fatti, sono stati successivamente confrontati con le immagini e le storie reperite sui social network, che hanno spesso restituito i personaggi oggetto d’indagine abbigliati con i medesimi indumenti indossati la sera del 26 ottobre 2020 nonché video amatoriali riconducibili ai gravi fatti di reato.

In relazione a ciascun soggetto così individuato e identificato con certezza, gli investigatori hanno quindi provveduto ad enucleare le specifiche condotte delittuose, raccogliendo un quadro indiziario di gravità tale da indurre all’emissione di provvedimenti di natura restrittiva.

Per ogni singolo indagato è stata altresì documentata la spiccata pericolosità sociale; ciascuno degli indagati ha manifestato un comportamento di violenta aggressione e palese sfida nei confronti delle Forze dell’Ordine, forte della potenza derivante dall’appartenenza al “branco” e mosso unicamente dalla volontà di approfittare, incurante delle regole del vivere civile, per fare incetta di beni di valore.

L’evidente pericolosità del gruppo si palesava nel momento in cui alcuni di essi, con la violenza, cercavano persino di garantire l’impunità a due soggetti arrestati dal personale del locale Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in flagranza del furto in danno del negozio “Gucci” di via Roma.

I responsabili

I destinatari dei provvedimenti restrittivi eseguiti nella giornata odierna risultano prevalentemente immigrati (maggiorenni e minorenni) di seconda generazione; molti di loro annoverano numerosi precedenti di polizia per svariate tipologie di reato e risiedono principalmente nelle zone periferiche della città.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità