Seguici su

Cronaca Live

Torinesi sempre più in difficoltà in coda alla Mensa dei poveri

Fino a 300 pasti caldi al giorno alla Mensa dei poveri per i torinesi in difficoltà: molti 25-35enni

Pubblicato

il

Mensa dei poveri
Sempre più torinesi alla Mensa dei poveri

Torinesi sempre più poveri, mentre continua ad aumentare il numero delle famiglie italiane finite in povertà. È l’allarme ribadito dal sacerdote cottolenghino Don Adriano Gennari, fondatore della tavola solidale voluta nel 2008 dall’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia.

«Dall’inizio della pandemia Covid a oggi, i pasti caldi distribuiti alla Mensa dei poveri in via Belfiore 12 hanno raggiunto quota 300 al giorno – spiega don Gennari – Sale del 20% anche il numero di connazionali con famiglie e figli a carico ai quali ogni sabato mattina doniamo pacchi di viveri primari. La domenica consegniamo circa 500-600 pasti da asporto, e il dato è in continua ascesa, mentre cala la raccolta di cibo per via della crisi in atto».

«In coda – rivela il sacerdote, animatore e guida dell’associazione ‘Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione Onlus’ – soprattutto giovani tra i 25 e i 35 anni privi di occupazione causa Covid e recessione. Buona parte ha perso anche la casa faticando a ricollocarsi. E con loro anche padri e madri di famiglia e anziani dai 60 anni in su in crisi nello sbarcare il lunario».

Proprio in questi giorni alla “Mensa dei Poveri” è stato devoluto l’intero ricavato delle vendite del bestseller La Bellezza dell’Imperfezione, scritto per ‘HCA Edizioni’ dal medico chirurgo estetico torinese Cristina Sartorio con la collaborazione del giornalista Maurizio Scandurra.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità