Seguici su

Cronaca Live

Non le rinnovano il permesso di soggiorno perché guadagna troppo poco. Ma il TAR non è d’accordo

Lavora da anni e vive con la figlia. Ma non le rinnovano il permesso di soggiorno perchè guadagna troppo poco

Pubblicato

il

La questura non rinnova il permesso di soggiorno a una donna nigeriana di 43 anni e alla figlia di 11 perché la madre guadagna troppo poco. Entrambe torinesi, potranno però presentare una nuova domanda per poter rimanere in Italia. Il motivo? Il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) ha permesso loro di restare nel nostro paese. La sentenza è stata pronunciata alcuni giorni fa. Ecco tutti i dettagli.

Reddito troppo basso

La storia inizia a maggio del 2017, momento in cui mamma e figlia si sono viste respingere il prolungamento del permesso di soggiorno. Pare, infatti, che «le banche dati dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps», avessero messo in evidenza un reddito troppo basso: «la signora non dispone dal 2008 del reddito previsto per la regolare permanenza sul territorio». Troppi pochi soldi, quindi, per poter restare nel nostro paese.

Presentazione del ricorso

Fortunatamente, la donna non si è arresa e ha deciso di coinvolgere un avvocato (Nicoletta Masuelli) al fine di presentare ricorso. D’altro canto, anche se aveva un reddito molto basso, si era sempre data da fare e aveva sempre lavorato come badante, parrucchiera o cameriera. Ecco perché il TAR ha dichiarato che «il questore deve effettuare un attento bilanciamento di tutti gli interessi in gioco, anche la condizione sociale e familiare. Sua figlia è nata in Italia e vive qui da sempre, frequenta la scuola dell’obbligo con normale profitto scolastico e non avrebbe grandi prospettive di inserimento in Nigeria». Entrambe, quindi, hanno dimostrato di essere ben inserite in questo paese e, pertanto, non dovrebbero essere mandate via dall’Italia.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità