Seguici su

Cronaca Live

Mobilità: tra i privati cresce la richiesta per il noleggio auto a lungo termine

Il noleggio a lungo termine continua a essere uno dei segmenti più vivaci per quello che riguarda il mercato dell’auto

Pubblicato

il

Il noleggio a lungo termine continua a essere uno dei segmenti più vivaci per quello che riguarda il mercato dell’auto.

È quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’UNRAE, che evidenzia come nel primo trimestre del 2022 la percentuale di contratti sottoscritti dai privati sia salita al 17,4% del totale. Un dato che supera già la soglia raggiunta alla fine del 2021, che si attestava sul 15,5%.

Altrettanto interessante notare come le preferenze vadano principalmente per le auto diesel, anche se un buon incremento è stato registrato anche dalle vetture ibride. Per quanto riguarda le case automobilistiche, invece, le richieste di noleggio dei privati si concentrano principalmente per auto a marchio Fiat, Audi e Peugeot.

Noleggio auto a lungo termine: le ragioni del successo tra i privati

Le ragioni che stanno determinando il successo del noleggio a lungo termine tra i privati sono numerose e risiedono innanzitutto nel risparmio di cui è possibile beneficiare rispetto alla spesa richiesta per l’acquisto del mezzo.

A ciò si aggiunge il fatto che i costi relativi al bollo auto, all’assicurazione e alla manutenzione del veicolo sono a carico della compagnia di noleggio. Senza contare che al giorno d’oggi, grazie al web, è possibile trovare le offerte più convenienti in modo semplice e veloce. Merito di portali di comparazione come Facile.it, che attraverso una piattaforma user friendly interamente dedicata al noleggio auto a lungo termine permette di individuare in pochi click le proposte delle migliori compagnie del settore.

Un altro dei motivi per cui questa formula è sempre più apprezzata risiede nel fatto che al termine del contratto – che può durare dai 36 ai 60 mesi – è possibile scegliere se richiedere una proroga, iniziare una nuova sottoscrizione con un’altra vettura oppure entrare in possesso del mezzo impiegato formalizzandone l’acquisto.

Tra le ragioni del boom anche l’ampia varietà di auto disponibili

Naturalmente, tra le ragioni che stanno portando alla diffusione sempre maggiore del noleggio a lungo termine è possibile annoverare anche il fatto che è possibile scegliere tra un ampio numero di proposte.

Per quello che riguarda la composizione della richiesta, attualmente una delle vetture più richieste dai privati è, per esempi, la Fiat Panda, che presenta dotazioni interessanti come l’assistenza alla frenata di emergenza e hill holder per le partenze in salita facilitate.

Si resta in casa Fiat anche con la 500, che propone modelli ibridi da 70 Cv con comandi touch sullo schermo LCD centrale e Kit Fix & Go che consente di riparare rapidamente uno pneumatico sgonfio.

Tra le auto compatte, ideali per i piccoli spostamenti cittadini, una delle più richieste per il noleggio risulta essere la Smart Fortwo, pluri-accessoriata e con cruise control che limita automaticamente la velocità.

Tra le berlina a 5 porte molti privati scelgono di noleggiare la Toyota Yaris, magari con cambio automatico, connessione bluetooth e l’avviso automatico di superamento della corsia. Altro grande classico è rappresentato dalla Peugeot 208 che a sua volta include tutte le tipologie di assistenza alla guida e alla frenata, sistema anti-collisione e, ovviamente, aggancio isofix per i seggiolini auto di nuova generazione.

Gli amanti del crossover, infine, grazie alla pratica e conveniente formula del noleggio richiedono spesso vetture come la sportiva Jeep Compass a trazione integrale, ideale sia per le famiglie numerose che per chi necessita di spostarsi di frequente su sterrati.

Altri modelli di suv e crossover molto richiesti per il noleggio sono la Nissan Qashqai con display interno a 9 pollici, selettore della modalità di guida, sensori di movimento e radio con DAB e la Toyota Yaris Cross, ibrida, da 116 Cv, servosterzo elettrico, cerchi in lega e telecamera posteriore.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending