Seguici su

Cronaca Live

Infermiere condannato per l’omicidio di un paziente

L’uomo avrebbe “sedato” senza autorizzazione con un farmaco che ne ha causato la morte un paziente ricoverato all’ospedale di Carmagnola

Pubblicato

il

Ospedale

Infermiere condannato a 14 anni per omicidio. I Carabinieri del NAS di Torino, coordinati dalla dott.ssa Laura Deodato – Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Asti – hanno condotto un’indagine scaturita dal sospetto decesso di un paziente presso l’ospedale di Carmagnola avvenuto il 27 ottobre 2015. La morte, a seguito di specifici accertamenti peritali, risultava essere stata provocata da un principio farmacologicamente attivo, il “midazolam”.

Il paziente “scomodo”

Le attività investigative, che hanno richiesto anche la riesumazione della salma, hanno consentito di accertare la responsabilità nei confronti di un infermiere del nosocomio per aver arbitrariamente somministrato il medicinale per via endovenosa, senza alcuna prescrizione medica, per motivi futili e abbietti, dettati dall’esigenza di sedazione del paziente, il quale per le particolari condizioni di salute legate all’età e al comportamento emotivo richiedeva un continuo monitoraggio e attenzione da parte del personale del reparto ospedaliero.

Omissione

La condotta illecita risultava aggravata dal fatto che, alla crisi respiratoria dell’anziano paziente causata dall’uso volontario e spregiudicato di eccessivo dosaggio di sostanze sedative, l’infermiere ometteva di riferirne la somministrazione al personale medico dell’ospedale intervenuto in soccorso, impedendo così la possibilità di somministrazione di un antidoto presente nel reparto e di pronto utilizzo.

La condanna

All’esito delle fasi processuali, presso la Corte d’Assise d’Appello di Torino, presieduta dal Giudice Fabrizio Pasi, l’infermiere è stato ritenuto responsabile del reato di omicidio con condanna alla pena di 14 anni e quattro mesi di reclusione (con rito abbreviato), a seguito della richiesta di pena ad anni 15 formulata dal Sostituto Procuratore Generale, dott. Andrea Bascheri.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending