Seguici su

Covid 19

I primi risultati dei controlli più stretti sul rispetto delle misure di contrasto del Covid di ieri a Torino

Come è andata la prima giornata del weekend a Torino con controlli più stretti sul rispetto delle misure di contrasto del Covid? Il resoconto della Polizia di Stato

Pubblicato

il

Locali chiusi dalla polizia a Torino

TORINO – Per questo weekend niente misure più restrittive, ma un aumento dei controlli finalizzati alla verifica del rispetto delle misure di contrasto all’epidemia da coronavirus COVID–19. Dalla Polizia di Stato ecco il resoconto di quanto è avvenuto in città ieri, sabato 14 novembre

Le multe a Torino

Ammonta a 214 il numero delle persone controllate dagli agenti della Polizia di Stato nella giornata di ieri: 20 le persone multate per il mancato rispetto delle misure di contenimento, e 6 le sanzioni elevate per il mancato utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

Contro gli assembramenti

Numerose le pattuglie impiegate nelle zone a rischio assembramento come Piazza Vittorio Veneto, Piazza Santa Giulia e San Salvario.

I locali chiusi dalla Polizia

Due gli esercizi commerciali destinatari di provvedimento di chiusura della durata di cinque giorni.
Nel primo locale, situato in corso Giulio Cesare, è stato riscontrato un assembramento di persone, sia all’interno che all’esterno dell’esercizio commerciale, non consono alle normative vigenti. Il titolare è stato sanzionato per la somma di 400 euro.

Il secondo esercizio, un minimarket in corso Vercelli, è stato sorpreso proseguire la propria attività di vendita oltre l’orario consentito. Scattata la chiusura per la durata di cinque giorni. Elevati, inoltre, 400 euro di sanzione. I controlli volti al rispetto delle limitazioni proseguiranno per l’intero weekend.

Da bere per tutti! Chiuso il locale

Sono circa le 21:00 di giovedì scorso quando la pattuglia del commissariato San Paolo, transitando in via F. De Sanctis, nota, attraverso le saracinesche abbassate, le luci interne di un bar accese. Dall’esterno del locale, i poliziotti sentono il vociare di più persone, intente a consumare cibi e bevande. Improvvisamente la serranda inizia a sollevarsi e gli operatori intravedono un uomo dirigersi verso l’uscita, non prima di aver salutato gli avventori presenti al momento. L’uomo viene immediatamente bloccato. Fatto accesso all’interno del bar, gli agenti del commissariato individuano il proprietario del locale, dietro il bancone, intento a servire e consumare lui stesso bevande alcoliche insieme ad altri tre clienti.

I quattro avventori sono stati sanzionati per non aver mantenuto il distanziamento minimo interpersonale, come da DPCM del 3/11/20, e il locale è stato chiuso per la durata di 5 giorni in quanto non ottemperante all’obbligo di chiusura degli esercizi commerciali dediti alla somministrazione di alimenti e bevande ubicati nelle regioni ad “alto rischio” cosiddette “zone rosse”.

Il bar chiuso dalla Polizia di Stato

Immagine di copertina di repertorio

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità