Seguici su

Covid 19

Piemonte, 40mila vaccini al giorno: l’obiettivo si avvicina

Inaugurato il nuovo hub del Lingotto. In Piemonte 40mila vaccini al giorno, il generale Figliuolo: «obiettivo raggiungibile ogni giorno a fine mese»

Pubblicato

il

Cirio e Figliuolo
Inaugurato il nuovo hub vaccinale del Lingotto alla presenza del generale Figliuolo - credit: Alberto Cirio Facebook

TORINO – Le vaccinazioni in Piemonte proseguono a ritmo serrato. E la nostra Regione è attrezzata per arrivare a fine aprile a inoculare 40mila vaccini anti Covid al giorno. La “certificazione” è arrivata dal generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, ieri in visita a Torino, mentre oggi sarà a Moncalieri, Alba e Novara.

Il nuovo hub vaccinale del Lingotto

Prima tappa al Lingotto dove è stato inaugurato un nuovo hub vaccinale attrezzato con 20 box e in grado di somministrare 1.500 dosi giornaliere. «Vedendo questo centro – ha detto Figliuolo – sono convinto che si possa raggiungere l’obiettivo. Ieri si era a 24mila dosi al giorno, l’incremento deve essere graduale. Non abbiamo solo tagliato un nastro ma abbiamo visto una capacità che funziona. La Regione sta seguendo il piano vaccinale: ha somministrato l’87% delle dosi ricevute, e quindi ha bisogno di dosi. Sugli over 80 siamo al 78,5% su una media nazionale che si attesta al 74%».

Il taglio del nastro al nuovo hub vaccinale del Lingotto a Torino – image credit: Alberto Cirio – Facebook

I vaccinati in Piemonte e furbetti

A ieri sono 26.871 le persone che hanno ricevuto il vaccino e comunicate all’Unità di Crisi della Regione; a 4.392 è stata somministrata la seconda dose. Dosi a 7.028 over 80 e 9.976 settantenni (2.884 vaccinati dai propri medici di famiglia). In consegna altre 109.980 dosi di Pfizer Sempre in tema di vaccini, Antonio Rinaudo, commissario per l’area giuridico-amministrativa dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, ha anticipato che il caso dei furbetti” scoperto nelle settimana scorse nel Biellese, oggetto di un’inchiesta della Procura con 23 indagati, non resterà l’unico in Piemonte: «Siamo drastici, a breve ne tireremo fuori altri – ha detto – e, chiunque sia, sarà perseguito: non può esserci sfrontatezza a questo livello, peraltro sfruttando strutture pubbliche per interessi personali».

I casi di ieri

Intanto i dati della pandemia confermano il calo dei ricoverati in Piemonte: -5 in terapia intensiva e -97 negli altri reparti. Ancora alto il numero delle vittime, 70; i nuovi positivi sono 1.439, il 6,5% dei 21.986 tamponi diagnostici processati. Continua a crescere il dato sui guariti, 2.500 in 24 ore.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità