Seguici su

Covid 19

Nuovo Dpcm Draghi, le novità su coprifuoco e riaperture. Sei regioni in zona bianca

Il nuovo dpcm Draghi di maggio porta grandi novità. Tra queste: nuovo coprifuoco, ristoranti, matrimoni, sport, centri commerciali, parchi, terme, piscine, palestre, discoteche, centri sociali, matrimoni. Sei regioni dovrebbero divenire zona bianca

Pubblicato

il

Mario Draghi e nuovo Dpcm
Nuovo Dpcm Draghi di maggio

Il nuovo Dpcm Draghi è pronto, e alcune delle nuove misure per il contenimento del Covid dovrebbero entrare in vigore da domani 19 maggio 2021 e poi da giugno e luglio altri allentamenti e riaperture.

Cambia il coprifuoco

A partire dal 19 maggio il divieto di spostamenti per cause di lavoro, necessità o salute dovrebbe slittare di un’ora: dalle 23:00 alle 5:00 del mattino (prima era dalle 22:00 alle 5:00). Per poi slittare di un’ulteriore ora, ossia dalle 24:00 alle %:00 a partire dal 7 giugno. Sempre che i dati sulla diffusione del virus rimangano bassi o scendano ulteriormente.

In arrivo la zona bianca per 6 regioni

Se la tendenza rimarrà tale, sono 6 le Regioni che vanno verso la zona bianca. Dal 1° giugno, infatti, potrebbero diventarle Friuli-Venezia Giulia, Molise e Sardegna. E poi dal 7 giugno, dovrebbero entrare in zona bianca Abruzzo, Veneto e Liguria. Queste le previsioni secondo la road map esaminata dalla cabina di regia del Governo, a cui hanno partecipato anche il Cts e il premier Draghi. Le zone bianche, lo ricordiamo, hanno come unica condizione indossare la mascherina e tenere il distanziamento sociale.

Ristorazione

A partire al 1° giugno 2021 ristoranti e bar potranno aprire a pranzo e a cena anche al chiuso e oltre le 18. È quanto deciso nella cabina di regia. Torna anche il caffè al banco del bar.

Centri commerciali

I negozi all’interno di mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali riapriranno dal 22 maggio sia nelle giornate festive che prefestive e nel primo weekend successivo al decreto legge.

Matrimoni

A partire dal 15 giugno si potranno celebrare i matrimoni, ma con “green pass”, ossia l’attestazione che gli invitati dovranno esibire a dimostrazione di aver fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti la cerimonia o un certificato di avvenuta guarigione o di vaccinazione. Il numero massimo di partecipanti ai matrimoni sarà deciso e comunicato dal CTS, modulando le indicazioni a seconda che l’evento si svolga al chiuso o all’aperto.

Palestre

Le palestre apriranno anticipatamente rispetto a quanto previsto: il 24 maggio anziché il 1° giugno.

Terme e piscine al chiuso

I centri termali e le piscine al chiuso potranno riaprire a partire dal 1° luglio, sempre nel rispetto delle norme dettate dal Dpcm.

Competizioni sportive

Dal 1° giugno sarà consentita la presenza di pubblico per tutti gli eventi e le competizioni sportive all’aperto, mentre dal 1° luglio lo sarà anche al chiuso, nei limiti già fissati: capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso. L’apertura non sarà più limitata alle competizioni di interesse nazionale.

Discoteche

Le discoteche e le sale da ballo – sia all’aperto che al chiuso – per ora rimangono chiuse.

Casinò, bingo, sale giochi e scommesse

Questo genere di attività potrà riaprire a partire dal 1° luglio.

Centri sociali, culturali e ricreativi

Sempre dal 1° luglio potranno ripartire le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Parchi tematici e parchi divertimento

Per i parchi a tema e divertimento l’apertura è stata anticipata al 15 giugno.

Impianti di risalita in montagna

Dal 22 maggio riapriranno anche gli impianti di risalita in montagna, sempre alle condizioni indicate dalle linee guida.

Nuovi parametri per le zone rosse, arancioni e gialle

Da questo mese cambiano anche i parametri che decretano se una regione o parte di essa sia zona rossa, arancione o gialla. A fare da guida non sarà più l’Rt, ma l’incidenza dei contagi. Atro fattore sarà il tasso di ospedalizzazione, sia in terapia intensiva che in area medica. I criteri di determinazione scendono da 21 a 12.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità