Seguici su

Consumatori

Caro vita per i piemontesi: 180 euro in più al mese

Uno studio del comitato regionale dell’Unione consumatori mostra quanto pagheranno in più il caro vita i piemontesi

Pubblicato

il

Caro vita per i piemontesi
Caro vita per i piemontesi

L’aumento del costo del gas porterà a fare crescere di 180 euro in più al mese i costi sostenuti per il caro vita dai piemontesi. Lo rivela uno studio condotto dall’avvocato Patrizia Polliotto, presidente del comitato regionale dell’Unc (Unione nazionale consumatori).

«L’aumento indiscriminato del gas rischia di comprimere ulteriormente potere d’acquisto e tenore di vita dei consumatori piemontesi. Da gennaio a oggi, nel primo semestre, il pressing del caro utilities, inclusi carburante e maxi-inflazione – spiega Polliotto – ha ridotto la capacità di spesa delle famiglie di circa 140 euro al mese. In un nucleo composto in media da 4 persone, due genitori con figli a carico in età compresa tra i 10 e 20 anni, prevediamo che da qui a Natale il caro-vita inciderà mensilmente per almeno 180 euro. Complice, per l’appunto, l’incremento inarrestabile del costo del gas, anche in vista dell’arrivo della stagione fredda».

«Il rischio ricaduta – prosegue Polliotto – graverà soprattutto sul settore alimentare, con la progressiva riduzione del ricorso a cibi ormai divenuti quasi di lusso come carni rosse e pesce fresco, e l’esclusione di alcune categorie di ortaggi che oggi sono per lo più quasi del tutto inaccessibili alle fasce monoreddito attorno ai 1.200 euro con figli a carico. In quest’ottica – conclude il presidente di Unc Piemonte – anche i discount possono non bastare a contenere gli aumenti medi generalizzati dei beni di prima necessità, incrementando il disagio».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending