Seguici su

Ambiente

Scorie nucleari in Piemonte: rischio di cancellare in un colpo anni di lavoro sul territorio

L’annuncio a sorpresa dell’individuazione dei siti come deposito di scorie nucleari in Piemonte: Città Metropolitana di Torino, si rischia di cancellare in un colpo anni di lavoro sul territorio e sulla qualità

Pubblicato

il

Siti scorie nucleari in Piemonte

Ha colto di sorpresa l’annuncio di qualche giorno fa sull’individuazione in Piemonte di alcuni siti per depositi di scorie nucleari. Per questo, i sindaci delle località interessate e Città metropolitana di Torino hanno chiesto un incontro con i parlamentari. Oggi si rischia seriamente di cancellare in un colpo anni di promozione territoriale e di investimenti sui prodotti locali di qualità, spiega una nota.

Arriva il nullaosta, convocati i sindaci

Dopo l’annuncio, il 5 gennaio è stato convocato d’urgenza dalla Città metropolitana di Torino un incontro con i sindaci dei siti compresi nell’elenco pubblicato da Sogin, società pubblica di gestione del nucleare, dopo il nullaosta del Governo sulle pagine del sito ufficiale. Tra le 67 le località selezionate in Italia nelle quali esistono le condizioni tecniche per realizzare gli impianti, 4 sono sul territorio metropolitano torinese: Rondissone, Mazzè, Caluso e Carmagnola.

Martedì pomeriggio 5 gennaio i primi cittadini Ivana Gaveglio (Carmagnola) Maria Rosa Cena (Caluso) Marco Formia (Mazzè) e Antonio Magnone (Rondissone) con Claudio Castello (Chivasso) Francesco Principi (Villastellone) e Angelita Mollo (Poirino) incontrando online il vicesindaco metropolitano Marco Marocco hanno ribadito la preoccupazione che queste scelte possano avere ricadute sulle popolazioni, già spaventate dalla pandemia da Covid.

Anni di investimenti sul territorio

Si tratta di amministrazioni comunali che negli anni hanno investito molto sui rispettivi territori per dare valore alle produzioni locali: basti citare il peperone di Carmagnola con l’intero distretto del cibo, la tinca gobba di Poirino, l’Erbaluce di Caluso e la nocciola di Caluso che sta per ottenere il marchio IGP.

Dubbi sui criteri adottati

Accanto alla sorpresa e alla generale contrarietà dei Sindaci nell’apprendere dai giornali che il proprio territorio era stato individuato quale sede di un deposito nazionale nucleare, sono già forti i dubbi sui criteri utilizzati per l’individuazione dei 67 siti.

Chiesto un incontro

I Comuni di Carmagnola e Chivasso si stanno già muovendo per organizzare sedute aperte dei rispettivi Consigli comunali e tutti i sindaci hanno sottolineato il loro impegno ad approfondimenti tecnici nei prossimi 60 giorni. «Intanto chiederemo un incontro ai parlamentari piemontesi – assicura il vicesindaco metropolitano Marco Marocco – e supporteremo i Comuni con gli approfondimenti tecnici necessari a comprendere la genesi delle scelte di Sogin. Resta grave il mancato coinvolgimento degli amministratori locali da parte del Governo centrale».

Fonte: Città Metropolitana di Torino

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità