Seguici su

Ambiente e Natura

Guerra ai rifiuti abbandonati per strada

L’Arpa Piemonte dichiara guerra ai rifiuti abbandonati per strada (e non solo) sul territorio del Piemonte. Ecco come agiranno i tecnici incaricati

Pubblicato

il

Rifiuti abbandonati
Scatta la guerra ai rifiuti abbandonati in Piemonte

Guerra ai rifiuti abbandonati in Piemonte. È stata avviata da parte dei tecnici di Arpa Piemonte, in concerto con l’Assessorato all’Ambiente della Regione, una campagna di controllo sui rifiuti abbandonati sulle strade comunali, provinciali, statali e autostradali e relative pertinenze, in tutto il Piemonte.

«I rifiuti abbandonati non solo degradano visivamente il paesaggio che ci circonda, ma possono compromettere lo stato dell’ambiente – fa notare Angelo Robotto, direttore generale di Arpa Piemonte – Le competenze non sono proprie dell’Agenzia, ma come ente che ha la missione della protezione e prevenzione dell’ambiente è doveroso fare qualcosa in merito».

Matteo Marnati, assessore regionale all’Ambiente, sottolinea come l’abbandono dei rifiuti sia «una pratica purtroppo ancora diffusa, che costituisce un problema oltre che di decoro anche prettamente ambientale e che dunque è importante, a fronte anche delle varie segnalazioni che giungono, dare un segnale che permetta di tenere pulito il nostro territorio».

Dopo avere verificato che non ci sia una contaminazione ambientale in atto, «i nostri tecnici – spiega Arpa – inoltrano la segnalazione al soggetto competente al fine della rimozione dei rifiuti e del ripristino dello stato dei luoghi, come previsto nel Testo Unico Ambientale».

1 Commento

1 Commento

  1. Marilena Giribaldi

    14 Aprile 2022 at 15:15

    A proposito dei rifiuti abbandonati.
    Solo da due/tre mesi a questa parte i rifiuti vengono abbandonati e molte volte i cassonetti ( ormai parecchi sono senza serratura o capovolti)straripano e non vengono raccolti da Amiat.
    Mi chiedo cosa stia succedendo.
    Con l’Amministrazione Appendino il sistema funzionava quasi sempre e mai si sono verificate situazioni del genere.
    Cosa é cambiato? Sarei curiosa d saperlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità