Allarme a Torino invasa dalle api: molti cittadini hanno segnalato sciami e nidificazioni in diverse zone della città

Molte segnalazioni di sciami di api in tutta la città di Torino sono giunte a Vigili del Fuoco e al Comune da parte di cittadini spaventati per l’invasione in massa che si è verificata nei giorni scorsi. Ecco cosa sta accadendo1 min


6.4k shares

Pare che Torino, in questi giorni, sia stata invasa dalle api. Sono infatti molte le segnalazioni da parte di cittadini impauriti dalla loro massiccia presenza: non si tratta infatti di qualche singolo esemplare ma di interi e numerosi sciami che vanno a nidificare in particolare nei palazzi, sui balconi, nei parchi cittadini o in autobus e tram – spaventando i passeggeri che sono scesi di corsa.

Perché le api sciamano

Le api ogni tanto sciamano, è un fenomeno del tutto naturale specie in primavera, quando un gruppo di api appartenenti a un determinato alveare decidono, per così dire, di formare una nuova famiglia con una nuova ape regina. E così partono alla ricerca di un nuovo posto per “mettere su casa”. Il fenomeno, tipico della stagione primaverile, in realtà assume a volte dimensioni inaspettate, come quelle che si stanno verificando a Torino in questi giorni. E, secondo gli esperti dell’Università di Agraria, l’anomalia è dovuta agli squilibri climatici che hanno colpito anche la nostra Regione.

Sovraffollamento

Il caso di Torino pare sia dovuto appunto al tempo pazzo di quest’anno (e non solo) che avrebbe costretto le api a restare rintanate nei loro alveari più del dovuto. Questo avrebbe provocato un sovraffollamento che si è poi tramutato in uno sciamare improvviso e tutto insieme da parte di diversi gruppi di api. Senza poi contare che da qualche anno a questa parte sono molti gli apicoltori “urbani” che allevano le api anche in città. Per cui è normale vedere aumentare il numero di questi insetti.

Niente paura

Anche se le api a molti fanno paura, se per caso si è testimoni di una sciamatura non bisogna farsi prendere dal panico e rivolgersi per esempio a Vigili del Fuoco o, meglio ancora (se lo si conosce) a un apicoltore. L’importante è non cercare di scacciare da sé le api, per evitare di essere punto perché gli insetti si sentono minacciati e in pericolo. Ora, secondo gli esperti, il fenomeno dovrebbe ridimensionarsi entro breve, per cui spesso basta aspettare un po’. Intanto, il Comune di Torino segue l’evolversi della situazione.


Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

6.4k shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
0
hate
confused confused
1
confused
fail fail
2
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
7
love
lol lol
0
lol
omg omg
1
omg
win win
0
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed