Violenze al carcere delle Vallette di Torino: chi siamo noi per giudicare?

I detenuti maltrattati erano condannati per violenza sessuale. Può questo attenuare in qualche modo la gravità dei fatti?1 min


435 shares

Immaginate.
Siete in un posto sicuro e siete armati e davanti avete uno stupratore.
Il vostro lavoro è quello di tutelare la sicurezza di quelle persone, oltre che di tenerle rinchiuse, lontane dalla civiltà, ma non sarebbe comunque difficile? Vivere giorno dopo giorno a contatto con stupratori, di donne o bambini e magari immaginarli, mentre prendono il loro sopravvento arrogante su una persona, rovinandone l’esistenza per sempre. Il dilemma etico è ben più profondo di un giuramento sulla Costituzione e ad una divisa.

Chi siamo noi per giudicare?

Perché se è giusto che lo Stato si comporti in un certo modo, con i propri detenuti, specificatamente di un certo tipo, è anche così facile farlo da individuo? E’ questo quello che è successo alle Vallette di Torino. Alcuni agenti sono accusati del delitto di tortura, per aver maltrattato, vessato e picchiato dei detenuti per reati di violenza sessuale (Qui i dettagli della notizia).
«Ti dovrei ammazzare ed invece ti devo tutelare»,  a dirlo uno degli agenti. Ci sentiamo davvero tanto superiori da dargli torto? E’ difficile, come in molti aspetti della vita e non esiste un bianco o un nero.

Quanti di voi avrebbero voluta fare la stessa cosa?

Quello che questi agenti hanno commesso è sicuramente un reato verso la Costituzione e lo Stato che devono rappresentare, ma, umanamente, è poi un qualcosa di tanto diverso da quello che ognuno di noi, nel profondo, vorrebbe fare? E sia ben inteso, non è una riflessione fatta a difenderli o giustificarli, ma solo a riconoscere che il loro non è un lavoro facile.
Quanti di noi si sentirebbero di giudicarli per aver insultato e picchiato uno stupratore?
Quanti di noi, potendo, non avrebbero fatto la stessa cosa?

La detenzione, per la nostra comunità, deve essere istruttiva e ci si aspetta che queste persone cambino, ma può uno stupratore davvero cambiare? Il ricordo delle loro vittime non cambierà mai. Hanno il diritto, loro, di cambiare?

Ti è piaciuto questo articolo? Non è stato scritto dalla redazione ma da un membro della community di Torino Fan. Iscriviti anche tu, inserisci post e condividi le tue idee o esperienze con gli altri torinesi: riceverai un Buono Amazon da 25 euro

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

435 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
4
hate
confused confused
1
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
1
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
1
omg
win win
0
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed