Nasce con una rarissima malattia, con alta probabilità di decesso entro pochi giorni: i genitori lo lasciano al Sant’Anna.

Oggi Giovannino ha quattro mesi, ma non ha ancora una casa.1 min


439 shares

Nella storia di oggi non c’è giusto o sbagliato, c’è solo tanta tristezza.

Immaginatevi l’attesa di vostro figlio. Carrozzina, lettino, biberon, vestitini, tutti scelti con cura e con amore.
L’immaginazione che cerca di tratteggiare quel visino che si intravede dalle ecografie che si susseguono. La trepidante attesa.

Probabilmente è andata così anche per il piccolo Giovannino, che da quattro mesi vive al Sant’Anna. Da quando è nato, quattro mesi fa, perché Giovannino ha l’Ittiosi Arlecchino ed i genitori lo hanno lasciato in ospedale.
L’Ittiosi Arlecchino è una gravissima malattia della pelle, molto rara tanto da riscontrarsi su un bambino ogni milione e che spesso porta alla morte del piccolo entro pochissimi giorni dalla nascita.
La pelle di chi è colpito da questa gravissima malattia, si inspessisce diventando crostosa e ad ogni respiro o piccolo movimento si creano delle profonde piaghe che posso infettarsi. Il diramarsi di queste piaghe, dà alla pelle un pattern piuttosto romboidale, da cui deriva la denominazione “Arlecchino”.
Spesso la morte avviene per infezione o per soffocamento, non riuscendo il bambino a respirare, compresso da questa spessissima pelle.

Negli ultimi anni sono stati fatti passi da gigante nella ricerca. E’ stato individuato il gene “colpevole” della mutazione, ma non ci è ancora possibile curarla. I rarissimi casi in cui i pazienti sono sopravvissuti ai primi giorni, non hanno superato l’adolescenza.
La malattia è diagnosticabile con un test del DNA durante il secondo trimestre di gestazione, ma non è un esame di prassi, viene proposto solo a chi ha già avuto casi in famiglia di malattie similari, per lo più.

Per i genitori di Giovannino deve essere stato davvero troppo da sopportare e hanno deciso di abbandonarlo in ospedale, probabilmente anche consci di non essere oggettivamente in grado di affrontare la drammaticità dei primi periodi.

Ora Giovannino ha quattro mesi. Nessuna struttura di casa famiglia se ne vuole far carico, considerata la sua delicatissima situazione ed in attesa della giusta sistemazione, le infermiere e i medici del Sant’Anna se ne stanno facendo carico.

Già in tanti, che conoscono la sua storia, hanno donato vestitini e giocattoli all’ospedale e se avete piacere potete fare lo stesso, nella speranza che questa storia, che non sembra possa avere un lieto fine, si possa almeno arricchire d’amore.

Ti è piaciuto questo articolo? Non è stato scritto dalla redazione ma da un membro della community di Torino Fan. Iscriviti anche tu, inserisci post e condividi le tue idee o esperienze con gli altri torinesi: riceverai un Buono Amazon da 25 euro

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

439 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
1
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed