Epatite e HIV contratte dopo una donazione di sangue: lo scandalo degli anni ’70 al TAR di Torino

Il Ministero ancora non ha erogato molti dei risarcimenti sanciti in sede di tribunale e dunque è il TAR - col giusto dispendio di soldi pubblici- a sollecitarlo1 min


638 shares

Erano gli anni ’70-’80 e la legge in materia di donazioni di sangue era indietro quanto la medicina per diagnosticare tutta una serie di malattie che sono tranquillamente state passate da donatore a ricevente, compromettendo definitivamente la salute di tanti che si sono trovati di punto in bianco ad avere HIV, epatite, cirrosi e quant’altro.

Per i coinvolti si è aperta una battaglia legale, che secondo il Tribunale di Torino, è ancora lontana dal concludersi e non perché non ci sia una sentenza che ha previsto vitalizi e risarcimenti, ma perché, spesso, i risarcimenti non sono mai stati pagati dal diretto interessato: il Ministero della Salute.

Sono passati trent’anni ormai, se non quaranta e molte delle cause aperte vengono perorate da parenti di persone ormai decedute per le malattie contratte con la trasfusione. Sono state battaglie legali complicate, anche perché è difficile arrivare a dimostrare la colpevolezza delle strutture sanitarie in una donazione di sangue, a volte anche dopo anni: spesso infatti i sintomi si mostravano dapprima in forma lieve, sottovalutata, per poi scoppiare in gravi malattie anni dopo e a quel punto ricostruire le cause anche davanti alla legge non è stato per nulla semplice. Ci sono cause di varia gravità e si passa da risarcimenti di qualche migliaia di euro a risarcimenti di diverse centinaia di migliaia.

Nelle ultime settimane lo studio Ambrosio e Commodo ha chiuso una trentina di queste cause davanti al TAR – ne ha seguite circa 400 di questo genere negli ultimi 10 anni – ma se ne sono aperte altre quindici per cui hanno ripresentato ricorso proprio in questi giorni.

E ogni volta non si esimono dal far notare che riaprire una causa su una sentenza già data, perché il Ministero non ha pagato il dovuto alle vittime, è una perdita anche per la Corte dei Conti tra spese legali, ore di lavoro dei giudici, dell’avvocatura dello Stato e la nomina di un commissario ad acta per ogni pratica che interviene per erogare il risarcimento.Eppure questo pare non aver intaccato minimamente la linea generale del Ministero, per cui l’iter si ripete sempre uguale a se stesso.

Ti è piaciuto questo articolo? Non è stato scritto dalla redazione ma da un membro della community di Torino Fan. Iscriviti anche tu, inserisci post e condividi le tue idee o esperienze con gli altri torinesi: riceverai un Buono Amazon da 25 euro

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

638 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qual'è la tua reazione?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win
Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed