Tornano le case d’appuntamento. I Carabinieri ne sequestrano e chiudono nove a Torino

I Carabinieri scoprono a Torino nove monolocali trasformati in “case d’appuntamento”. Arrestata una coppia, comproprietaria dell’immobile. Giovanissime ragazze come prostitute1 min


20 shares

TORINO – Le case d’appuntamento a Torino. I Carabinieri questa mattina stanno eseguendo una misura cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Torino su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di due persone, marito e moglie, ritenute responsabili di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

La giovane sfruttata confessa

L’attività trae origine dalle dichiarazioni rese ai militari dell’Arma da una giovane rumena che ha ammesso di esercitare la prostituzione da alcuni anni e, nell’ultimo periodo, in alcuni monolocali del centro cittadino del capoluogo piemontese.

Una coppia di coniugi torinesi

Gli investigatori hanno così accertato che l’affitto settimanale per un monolocale era di 300 euro, corrisposti in nero a una coppia di coniugi torinesi. Non solo nessun contratto di locazione, ma i pagamenti avvenivano esclusivamente in contanti o mediante ricariche di una carta prepagata intestata a uno dei due proprietari dello stabile.

Un intero immobile trasformato in casa d’appuntamento

Numerosi servizi di appostamento espletati dai Carabinieri della compagnia Torino San Carlo hanno inoltre consentito di documentare che l’intero immobile, ubicato nel quartiere “Campidoglio” e composto da nove monolocali indipendenti, era stato adibito a casa di “appuntamento”, dove avveniva di giorno e di notte un continuo flusso di clienti.

Una delle case d’appuntamento chiuse dai Carabinieri a Torino

Sette giovanissime prostitute

Durante le odierne operazioni di sequestro disposto dall’Autorità Giudiziaria i militari dell’Arma hanno trovato nelle camere sette giovanissime prostitute, di nazionalità rumena, bulgara, ucraina e russa, nonché un cliente italiano. Le giovani donne saranno ora identificate e interrogate in caserma.

Identificati molti clienti

In via Locana a Torino una ventina di clienti sono stati identificati dai carabinieri: sono stati fermati all’uscita del monolocali adibiti a case di tolleranza. Sentiti dai militari hanno ammesso di recarsi lì per prestazioni sessuali e di aver saputo del posto attraverso siti di incontri presenti sulla piattaforma web.

Sostieni Torino Fan

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Torino Fan lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

20 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed