Mascherine obbligatorie anche all’aperto in Piemonte: effetto collaterale della movida

Il governatore Cirio, con il prefetto Palomba hanno deciso che in Piemonte saranno obbligatorie le mascherine anche all'aperto. L’obbligo scatta da venerdì 29 maggio e durerà, per ora, sino a martedì 2 giugno1 min


11.1k shares

Mascherine obbligatorie anche all’aperto in Piemonte – che segue le orme del Comune di Settimo T.se che l’aveva deciso già qualche giorno fa. A decretare l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto sono stati ieri sera il presidente della Regione, Alberto Cirio, insieme al Prefetto Claudio Palomba.

L’obbligo di indossare la mascherina

A far scattare l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto sono stati gli assembramenti osservati nei giorni scorsi – a partire dalla movida del weekend sino all’esibizione delle Frecce Tricolori di lunedì, senza dimenticare i Murazzi e le panchine di certi giardini e parchi. Il provvedimento entra in vigore a partire da venerdì 29 maggio e durerà (per ora) sino a martedì 2 giugno 2020, giorno della Festa della Repubblica. Per cui, ricordiamolo, non usciamo di casa senza mascherina: si rischia una denuncia e una multa.

Le persone non mettono la mascherina

«Purtroppo – ha spiegato il governatore Cirio ai microfoni della trasmissione “Centocittà” di Radio Rai – quel che abbiamo visto è che la gente tende a non metterla [la mascherina] nonostante ci siano luoghi di potenziale assembramento. Bisogna essere tutti più attenti, a iniziare naturalmente dalle istituzioni, e bisogna essere più chiari».

Gli assembramenti a Torino

Così, oltre a non indossare la mascherina, molti torinesi non hanno rispettato il distanziamento sociale. Alberto Cirio, a tal proposito ricorda che «le serate in cui ci sono stati momenti dove la gente era vicina senza mascherina. Ci sarebbe anche da chiedere – prosegue il governatore – se forse non si poteva immaginare di fare un altro tipo di evento e non un evento di piazza», ribadendo di essersi «molto arrabbiato» di fronte alle immagini della folla, spinta però da quella che è stata comunicazione forse non proprio corretta e «che è stata data prima dell’evento, quasi come l’annuncio di un concerto, con la gente che è andata a spostarsi nelle piazze dove si poteva vedere il passaggio [delle Frecce Tricolori]».

LEGGI ANCHE: App Immuni: che fine ha fatto e cosa NON farà 

Sostieni Torino Fan

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Torino Fan lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

11.1k shares

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed