Seguici su

Cronaca Live

Incidente in corso Unione Sovietica: ci voleva un “naso”

Dopo l’incidente in corso Unione Sovietica 221, che poteva avere gravi conseguenze, si chiede a gran voce la posa dei “nasi”

Pubblicato

il

Incidente corso Unione Sovietica
L'incidente in corso Unione Sovietica

TORINO – Ieri mattina c’è stato un incidente (vedi foto) in corso Unione Sovietica all’altezza del civico 221. Un incidente che poteva avere conseguenze molto gravi, rispetto a quanto avvenuto. Ecco perché, da tempo, si chiede la posa dei “nasi”.

Un elemento di protezione

«Con questo elemento di protezione in cemento e asfalto – spiega Silvio Magliano Capogruppo Moderati, Consiglio Comunale Torino – la vettura che ha perso il controllo all’angolo con via Rosario di Santa Fè non avrebbe rischiato [così tanto]. Ma se si fossero trovati in quel punto pedoni o Volontari o se la dinamica dell’incidente fosse stata leggermente diversa (questione di pochissimi metri) le conseguenze sarebbero state ben più gravi. La Giunta intervenga immediatamente realizzando i “nasi” prima che si verifichi un incidente con conseguenze più gravi di quello di ieri. Non si perda altro tempo».

Controviale Zona 20, ma la sicurezza?

«Con un “naso” in asfalto e cemento, elemento peraltro previsto dalle planimetrie dell’Ufficio Tecnico per quel tratto di controviale, l’auto fuori controllo si sarebbe fermata prima – sottolinea Magliano – Dopo la conferma da parte della Giunta del progetto di “controviale Zona 20”, urge ora garantire la sicurezza dei mezzi posteggiati anche alla luce dell’intenzione di non trasformare la configurazione degli stalli da “spina di pesce” a perpendicolari alla carreggiata. Al civico 221 di corso Unione Sovietica ha sede la Confraternita Misericordia di Torino, i cui mezzi di soccorso, con la loro delicata e preziosa attrezzatura, sono di norma posteggiati proprio su quegli stalli».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *