Seguici su

Cronaca Live

Apre un ristorante abusivo in casa: scoperta dagli agenti della Municipale. Multa salata e denuncia

Una donna apre un ristorante abusivo nel proprio appartamento. Scoperta però dagli agenti della Polizia Municipale di Torino. Multa salata e denuncia. Al momento del blitz c’erano persone ai tavoli

Pubblicato

il

Ristorante abusivo in casa a Torino

TORINO – Ha pensato bene di aprire un ristorante nel proprio appartamento, solo che era abusivo. Questo quanto scoperto dagli agenti del comando sezione VIII (San Salvario – Cavoretto – Borgo Po) della Polizia Municipale, insieme al personale del commissariato Barriera Nizza della Polizia di Stato.

Il blitz nel ristorante abusivo

A seguito di indagini precedenti, gli agenti hanno condotto un’ispezione mirata all’interno di un’abitazione situata in via Nizza 23. Qui, da tempo, una donna senegalese di 42 anni aveva aperto una sorta di ristorante, in cui venivano serviti ai clienti diversi generi di piatti. Solo che la donna non possedeva alcuna autorizzazione per poter somministrare cibo e bevande.

I clienti e la sanzione pecuniaria

Secondo quanto testimoniato dalle persone trovate essere presenti al momento del blitz, queste avrebbero pranzato e poi pagato una certa somma di denaro per il servizio svolto. Dopo aver constatato i fatti, e svolto le verifiche del caso, alla donna è stata elevata una sanzione di ben 4mila euro per «apertura abusiva di attività di somministrazione nell’abitazione». Nello stesso appartamento, inoltre, sono state riscontrate anche diverse carenze igienico-sanitarie.

Trovato anche un gabonese irregolare

Nello stesso appartamento, poi, gli agenti di polizia del commissariato Barriera Nizza hanno trovato un gabonese con diversi precedenti per spaccio e con una misura cautelare della Questura di «divieto di dimora nella provincia e nel Comune di Torino». L’uomo è stato indagato per violazioni delle norme sull’immigrazione.

Immagine di copertina rappresentativa. Credit: pixabay-Restaurant Nuovo Antica Roma, Wittenbergplatz 5 

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *